Maverick Vinales
Getty Images

MotoGP, Maverick Vinales: “Non ho nulla da perdere”

Maverick Vinales vuole giocarsi il tutto per tutto ad Austin. Veloce sul giro secco, sa di dover perfezionare la fase iniziale di gara e con il suo capotecnico Esteban Garcia sta già valutando possibili soluzioni per non perdere terreno dalla testa del gruppo. Pole position a Losail, prima fila a Rio Hondo, ma in entrambe le occasioni si è visto risucchiare nelle retrovie. In Argentina l’amara ciliegina sulla torta è stato l’incidente involontario causato da Franco Morbidelli all’ultimo giro, mentre era in lotta per il quarto posto.

Sarà un week-end di gara dove Marc Marquez parte da super favorito, con sei vittorie nelle sei precedenti edizioni. Eppure Maverick Vinales sa di avere l’obbligo di provarci su un tracciato che potrebbe esaltare il suo stile di guida impavido e aggressivo. “Sarà difficile ma se guardo indietro al 2017 nelle prime gare mi sentivo imbattibile. Poi ho iniziato a sbagliare,  a cadere e non qualificarmi bene sul bagnato. Sicuramente sono molto forti e sarà molto difficile recuperare punti ma ora non abbiamo nulla da perdere, quindi dobbiamo spingere per essere in prima fila e vedere se abbiamo la possibilità di vincere le gare”.

Vinales ritiene che le sue partenze lente siano causate nel sistema della frizione Yamaha ed è impaziente di provare le modifiche del setup per risolvere il problema. “È difficile da capire perché quando sono arrivato nel 2016 con la Suzuki ho iniziato davvero bene. Ma è difficile per me e penso che sia il modo in cui la Yamaha inizia. Ancora non lo capisco, sono passati più di due anni ma ancora non lo capisco. Cercheremo di migliorare gara dopo gara e miglioreremo l’innesto della frizione, quindi la reazione sarà migliore all’inizio”.