Bulega e Manzi, due VR46 sotto i ferri: come sono andate le operazioni

0
166
Nicolò Bulega e Stefano Manzi (Foto dal profilo Instagram della Clinica mobile)
Nicolò Bulega e Stefano Manzi (Foto dal profilo Instagram della Clinica mobile)

Moto2 | Bulega e Manzi, due VR46 sotto i ferri: come sono andate le operazioni

Doppio infortunio e doppio intervento chirurgico per la VR46 Riders Academy. Tra gli allievi di Valentino Rossi, sia Nicolò Bulega che Stefano Manzi sono infatti finiti sotto i ferri nella giornata di ieri, per due operazioni che li costringeranno a saltare il prossimo appuntamento della Moto2. A dare notizia dell’esito positivo degli interventi è stato il profilo Instagram ufficiale della Clinica mobile.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Nicolò Bulega non correrà il GP delle Americhe, in programma sul circuito di Austin dal 12 al 14 aprile. Costretto al ritiro in Argentina, a cinque giri dalla bandiera a scacchi, per il riacutizzarsi di un forte dolore all’avambraccio destro, al suo rientro in Italia ha condotto ulteriori accertamenti ed esami clinici. Per procedere al corretto trattamento della sindrome compartimentale diagnosticata, Nicolò è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Non è prevista una sua sostituzione per la gara ad Austin e l’augurio di tutto lo Sky Racing Team VR46 è rivederlo in pista già per il GP di Jerez de la Frontera.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Clinica Mobile nel Mondo (@clinicamobile) in data:

Anche Stefano Manzi non potrà prendere parte al GP di Austin. Il cadetto della VR46 Riders Academy, infatti, rientrato in Europa lunedì scorso, si è immediatamente sottoposto ad ulteriori esami dopo la brutta caduta durante la gara della scorsa settimana. Da questi è emersa una rottura dello scafoide destro e si è dunque dovuto sottoporre ad un’operazione da parte del dottor Morigi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Clinica Mobile nel Mondo (@clinicamobile) in data: