“Lady Diana si sarebbe potuta salvare, ma…”: confessione choc del medico legale

0
292
Lady Diana
Lady Diana (websource)

“Lady Diana si sarebbe potuta salvare”: confessione choc del medico legale a distanza di 22 anni dal tragico incidente in cui perse la vita la princiessa.

Sono pasati esattamente 22 anni dal tragico incidente in cui perse la vita Lady Diana insieme al compagno, Dodi Al-Fayed, e all’autista, Henri Paul ed oggi il medico legale Richard Shepherd, come riporta il Daily Mirror, nel libro, Unnatural Causes, svela nuovi dettagli sulla morte della moglie del Principe Carlo.

Lady Diana, parla il medico legale: “La ferita mortale era molto piccola, ma in un punto fatale”

«Se avesse avuto la cintura di sicurezza, probabilmente Lady Diana sarebbe riapparsa in pubblico pochi giorni dopo, magari con ematomi al volto, ingessature o con delle costole rotte. Ma sarebbe sopravvissuta» – spiega Richard Shepherd – «Ad ogni modo, la lesione riportata da Lady Diana è stata una delle più insolite, se non la più insolita, tra quelle viste in vita mia: si è trattato di una lesione piccola, ma nel punto sbagliato».

Il medico spiega così che la Principessa Triste come veniva chiamata la moglie del principe Carlo e che sconvolse il mondo si sarebbe potuta evitare. Per anni, l’incidente in cui morì la mamma di William e Harry è stato oggetto di indagini da parte delle autorità ed oggi, le dichiarazioni del medico legale non fanno che aggiungere nuovi dettagli alla vicenda.

«Dopo l’incidente era perfettamente cosciente. L’impatto, però, aveva provocato la rottura di una piccolissima vena all’interno dei polmoni e questo aveva causato un’emorragia interna che alla fine si è rivelata fatale e a nulla servì l’intervento chirurgico d’urgenza in ospedale», ha spiegato ancora il medico.

Le parole del dottore arrivano pochi giorni dopo l’indiscrezione lanciata dalla biografa Angela Levin secondo cui Diana avrebbe preferito vedere sul trono d’Inghilterra Harry considerandolo più adatto di William a ricoprire l’importante ruolo.