La Suzuki Katana (Foto Suzuki)
La Suzuki Katana (Foto Suzuki)

Moto | Suzuki Katana, da moto ad opera d’arte alla Milano Design Week

Dopo essere stata la moto più ammirata dei Saloni Internazionali di Colonia e di Milano e aver fatto parlare molto di sé anche in occasione del Festival di Sanremo, la Suzuki KATANA torna prepotentemente al centro dei riflettori. L’icona della gamma a due ruote di Hamamatsu si prepara, infatti, a una duplice presenza all’interno della Milano Design Week. Già dal 13 marzo un primo esemplare è esposto nella mostra “Smart City: People, Technology and Materials” nel Superstudio 13, in via Vincenzo Forcella 13, evento che durerà fino al 14 aprile. A partire dal giorno 8, e di nuovo fino a domenica 14, una seconda Katana sarà inoltre visibile presso il Material Village di via Tortona 27, nel cuore dell’area più glamour ed esclusiva della città.

La vetrina ideale

La Milano Design Week si è affermata ormai da diverso tempo come l’appuntamento più importante al mondo nel settore del design. E se il nucleo storico del Salone Internazionale del Mobile trova come di norma la sua dimensione nei padiglioni di Rho Fiera, anno dopo anno il Fuorisalone porta la città a diventare sempre più teatro di una moltitudine di eventi innovativi e all’avanguardia. Lo scenario vede i temi dell’arte, della moda, della tecnologia e della mobilità intrecciarsi ripetutamente e rappresenta così il contesto ideale in cui la KATANA può esprimere appieno la sua personalità unica, mix di stile e innovazione.

Un mito che si rinnova

La prima Katana segnò una vera rivoluzione negli Anni 80, facendo per la prima volta del design l’elemento cardine del progetto di una moto. Oggi la nuova KATANA fa rivivere quel glorioso passato e cambia di nuovo gli scenari dell’universo a due ruote, rivisitando in chiave moderna quelle forme suggestive e senza tempo, abbinandole alla tecnologia più avanzata. Il tutto con una cura per i particolari che ricorda i maestri spadai nel confezionare le loro spade. Queste caratteristiche fanno di lei un autentico oggetto del desiderio, capace di fare apparire il motociclista che la possiede come un moderno samurai, esattamente come la leggendaria spada katana identificava il guerriero samurai nell’antica società giapponese. Con il suo carisma, KATANA porta in una nuova dimensione l’interazione e l’integrazione tra l’uomo e la moto e diventa estensione del suo pilota stimolando la sfera interiore.

La simbiosi perfetta emerge anche nella guida. Affilata e precisa come un’autentica katana, Suzuki KATANA disegna le curve con rigore assoluto, grazie all’accurata messa a punto della ciclistica e a sospensioni regolabili di alta qualità. Anche l’impianto frenante garantisce un funzionamento esemplare, con pinze anteriori ad attacco radiale Brembo e un sofisticato e leggero sistema ABS Bosch. Il quadro tecnico è arricchito poi dal controllo elettronico della trazione regolabile e disattivabile, che rende più agevole la gestione dei 150 CV di potenza del motore, e i dispositivi Suzuki Easy Start System e Low RPM Assist, che facilitano avviamenti e partenze.

Arte su due ruote

Questa Suzuki è dunque un concentrato perfetto di stile e tecnologia, capace di fare idealmente da ponte tra una tradizione artigiana millenaria e la mobilità del futuro. L’installazione con cui KATANA è protagonista fino a domenica 14 aprile della mostra “Smart City: People, Technology & Materials” presso il Superstudio 13, sottolinea proprio il legame tra la KATANA e la leggendaria spada da cui prende il nome. Attraverso un emozionante gioco di luci e l’utilizzo sulla scena di lame affilate, il suggestivo allestimento evidenzia la pulizia delle forme, l’eccezionale attenzione per i dettagli e il design unico e raffinato della KATANA. Il concept sarà ribadito con una seconda installazione dall’8 al 14 aprile negli spazi del Materials Village, sempre in zona Tortona.