Pedone autostrada
Autostrada © Getty Images

Assoluzione per chi investe un pedone in autostrada se quest’ultimo sta attraversando la carreggiata e se si rispettano i limiti di velocità. Lo ha deciso la Cassazione che ha assolto in maniera definitiva un sessantenne che alla guida della sua automobile aveva investito una donna che, in stato di ebbrezza, era scesa dalla propria vettura in seguito ad una litigata con il marito. Il tutto è accaduto sull’A26 con la donna che procedeva a piedi nel senso delle auto. Di fatto la Cassazione ha deciso che un guidatore non può avere responsabilità nel caso in cui stia rispettando tutte le norme compresi i limiti di velocità, non potendosi attendere quello che è a tutti gli effetti un fatto eccezionale.

Per tutte le informazioni sulle novità delle auto e moto CLICCA QUI

Assoluzione per chi investe un pedone in autostrada

Ci si dovrebbe attendere infatti, anche nei tratti autostradali che non hanno la corsia di emergenza, che nessun pedone attraversi l’autostrada con il conducente della vettura che deve limitarsi a rispettare quelle che sono le norme di guida senza dover pensare ad eventi straordinari. Un importante passaggio della spiegazione della Cassazione sulla decisione presa è quella in cui spiega che l’autostrada è ‘caratterizzata dalla velocità del traffico che ne costituisce l’essenza’, un tratto di strada destinato ‘al traffico al di fuori degli agglomerati urbani’. Si è fatta quindi giurisprudenza su un caso limite ma che poteva lasciare dei dubbi su quelle che sarebbero state le decisioni dal punto di vista legiferativo.