(Image by Wikipedia)

La prossima generazione di Renault Zoe, prevista prima dell’estate, sarà una “rivisitazione di un design piuttosto che una nuova vettura costruita da zero“, secondo il responsabile del design Renault Laurens van den Acker.

La seconda generazione di supermini elettriche sarà lanciata in uno spazio di mercato molto più competitivo rispetto al suo predecessore, il che significa che il modello dovrà superare la concorrenza. Van den Acker ha detto: “La concorrenza si avvicinerà pericolosamente nel 2020, quindi Zoe dovrà lottare per il suo posto”.

Parte di questa revisione comprenderà un interno rinnovato, che dovrebbe ispirarsi alla nuova Clio. Offrirà anche materiali sostenibili. Van den Acker sostiene che tali caratteristiche “si adattano bene alla nostra filosofia secondo cui i veicoli elettrici dovrebbero essere più ecologici“.

La nuova Zoe dovrebbe utilizzare una piattaforma EV su misura condivisa dall’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi. Questo invece di condividere la sua piattaforma con l’attuale Nissan Leaf, che utilizza una versione adattata della piattaforma originale di Leaf 2011.

La piattaforma elettrica su misura, che sarà utilizzata per tutti i prossimi veicoli elettrici di piccole e medie dimensioni, consentirà una maggiore capacità della batteria per un’autonomia di 400 km con il nuovo e più reale regime di test WLTP.