L’incredibile addio al calcio di un giocatore durante una partita – VIDEO

0
758
Pallone calcio
(foto dal web)

Ignazio Barbagallo, giocatore 55enne del Città di Viagrande, ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo, organizzando un curioso siparietto. Il calciatore si è fatto “rapire” in campo con un elicottero durante una sfida di Terza Categoria.

Appendere gli scarpini al chiodo è sicuramente un passo difficile, un cambiamento nella vita di qualsiasi giocatore. C’è chi lo ha fatto con un giro di campo, leggendo una lettera ai propri tifosi o organizzando una gara per il ritiro, e poi c’è Ignazio Barbagallo. Il 55enne attualmente in forza al Città di Viagrande, club siciliano della provincia di Catania che milita nel campionato di Terza Categoria, ha voluto rompere gli schemi organizzando un curioso siparietto. Nel corso della sfida tra Città di Viagrande e Nebrodi di Terza Categoria è calato un elicottero sul campo da cui scendono degli uomini incappucciati che rapiscono Barbagallo e lo portano via in elicottero, lasciando ai giocatori un cartellone su cui era scritto: “Servizio eliminazione giocatori finiti“. Lo scherzo però è costato caro sia al giocatore che alla società.

Giocatore dice addio al calcio facendosi rapire con un elicottero

Uno scherzo che sicuramente in molti non dimenticheranno quello organizzato dal giocatore Ignazio Barbagallo del club di Terza Categoria Citta di Viagrande. Il calciatore 55enne ha deciso di dire addio al calcio giocato con un siparietto originale che nessuno si sarebbe mai aspettato. Durante la sfida tra Città di Viagrande e Play Shop Nebrodi al comunale Francesco Russo, un elicottero è atterrato sul terreno di gioco. Dall’elicottero sono scesi due uomini armati e con tanto di passa montagna che hanno “rapito” il 55enne portandolo via dal campo e lasciando agli altri giocatori un cartellone su cui era scritto: “Servizio eliminazione giocatori finiti“. Il “curioso rapimento” non è passato inosservato ed è costato caro sia al giocatore, divenuto famoso per i suoi scherzi visibili sui social e su Youtube e ormai rinominate “barbagallate”, che alla squadra della provincia di Catania. Il giudice sportivo ha difatti multato il club con 200 euro di ammenda e squalificato Barbagallo sino al 30 giugno 2019 per “aver abbandonato il terreno di gioco senza il permesso dell’arbitro servendosi di un elicottero il cui atterraggio sul campo di gioco non era autorizzato, costringendo il direttore di gara a sospendere temporaneamente l’incontro, causando una potenziale situazione di pericolo per tutti i presenti“.

Leggi anche —> Sampdoria-Roma: precedenti, statistiche e dove vederla in tv e streaming