Kubica attacca: “Con la Williams non mi sento un pilota”

0
266
Robert Kubica (©Getty Images)

F1 | Kubica attacca: “Con la Williams non mi sento un pilota”

Il suo rientro in F1 se lo immaginava certo differente ed invece tra l’Australia e il Bahrain Robert Kubica ha accumulato soltanto delusioni e ultimi posti, tra l’altro con un divario importante sulla concorrenza. Che per lui e il suo giovane compagno di squadra George Russell sarebbe stata dura, il polacco lo aveva già probabilmente capito ancor prima di scendere in pista nei test del Montmelo, ma forse non si aspettava una strada tanto in salita e oggi.

Così, quando manca circa una settimana al prossimo round in programma il 14 aprile in Cina, il vincitore del GP del Canada 2008 ha deciso di tirare un secco affondo alla Williams, che a suo dire gli sta tarpando le ali.

Per tutte le notizie di F1, MotoGP e WRC CLICCA QUI

A Melbourne qualcosa di positivo c’è stato, ma poco. Ho perso un pezzo della macchina andando su un tratto di cordolo dove passavano tutti e ad A-Sahkir ho dovuto evitarli tutti. In qualifica ho provato a sfruttarne uno, ma mi è volato via un’altra parte“, ha confidato a Motorsport.com.

In gara non ne ho usati, se non quando dovevo spingere. Ormai non li considero più come una sezione del tracciato“, ha proseguito con lo sfogo.  “Se affronti le curve così, finisci con il generare più peso sulle gomme e infatti ho dovuto rallentare per proteggere le posteriori, ma continuavo a scivolare e surriscaldarle. Magari un giorno mi potrò dimenticare di queste limitazioni e l’auto diventerà più solida e divertente da guidare. Per ora sto facendo il passeggero”.

A differenza del suo team-mate, silenzioso ed evidentemente poco incline alla lamentela verso chi gli ha fornito un’opportunità, il driver di Cracovia non ha mostrato timori ad esprimere il proprio disappunto per la situazione attuale della FW42.

Da parte mia posso solamente provare ad aiutare la scuderia utilizzando i setting che mi suggeriscono loro, ma è impossibile girare attorno ai problemi. Se in aggiunta ci si mette anche il vento a togliere stabilità ad una monoposto che non ne ha… Abbiamo bisogno di una soluzione in tempi brevi”, ha chiosato sforzandosi di essere speranzoso.

Chiara Rainis