Mick Schumacher (©Getty Images)

F1 | Schumacher sorprende: stesso crono con Ferrari e Alfa Romeo

Ha concluso la due giorni di test del Bahrain al volante dell’Alfa Romeo con il tempo di 1’29″998, ovvero appena 22 millesimi in più dell’1’29″976 firmato con la Ferrari. Il debutto nell’alta società della F1 di Mick Schumacher è stato dunque più che positivo sebbene entrambi riscontri siano arrivati con la gomma più soffice a disposizione.

Capace di accumulare 126 giri in totale senza sbavature particolari, il figlio di Michael, bravo anche a gestire l’attenzione mediatica, potrà ora tornare al suo lavoro con più fiducia in sé stesso.

E’ stato fantastico come con la Rossa“, ha affermato entusiasta al termine di questa sua avventura emozionale nel mondo dorato che è stato per anni di suo padre. “Onestamente non mi aspettavo questo livello di performance. Credo che l’essermi divertito abbia facilitato anche il lavoro di adattamento. Mi sono trovato benissimo con tutte e due le squadre, e ho trovato professionisti molto bravi, disposti a guidarmi e fornirmi le informazioni fondamentali. Alla fine sono cresciuto e mi sono avvicinato al limite”. 

Per tutte le notizie di F1, MotoGP e WRC CLICCA QUI

Passando ad un confronto delle sensazioni provate al volante della SF90 e della C38, il 20enne ha raccontato: “Il feeling in effetti è stato differente da una vettura all’altra anche se è difficile definire in che cosa. Diciamo che mercoledì mi sono concentrato sui punti in cui martedì non ero andato bene o che comunque pensavo di poter migliorare“.

Quindi chiamato a rispondere su ciò che lo attenderà nel prossimo futuro il campione in carica della F3 europea ha affermato: “Non so ancora. Per il momento, non vedo l’ora di essere nuovamente in pista in F2, a Baku. E’ un tracciato speciale e per me sarà la prima volta. Cercherò di usare al meglio la preparazione effettuata con il simulatore della Prema“.

Chiara Rainis