Pupo, diviso tra moglie ed amante: “Amo entrambe e loro lo sanno”

0
1022
pupo moglie amante
La moglie e l’amante, Pupo svela tutto

Il cantante Pupo parla del suo rapporto alla luce del sole con la moglie e con la manager ed amante: “Amo entrambe, viviamo in grande armonia”.

La normalità non gli è mai piaciuta. Pupo è uno abituato a cercare le emozioni, ed anche per questo una sola donna non gli basta. Enzo Ghinazzi, questo il suo vero nome, svela come è vivere avendo una moglie ed una amante e fare questo alla luce del sole. Il paroliere aretino è apertamente bigamo. Ha infatti sposato la moglie Anna già da diversi anni, e poi si è legato anche a Patricia, che gli fa pure da manager. In tutto questo ci sono anche le sue figlie. In passato però l’artista toscano aveva dovuto fare i conti con una vera e propria dipendenza: “Sentivo l’impulso di avere dei rapporti in ogni momento. Sia con me stesso che con altre donne, non mi sono mai mancato nulla. E quando dicevo di essere affetto da quella che era una vera e propria patologia venivo deriso. Solo chi ha vissuto la stessa cosa sa che invece uscirne è difficile“.

LEGGI ANCHE –> Chiara Ferragni: “Ho sempre sbagliato, non fate come me” – FOTO

Pupo: “Anna e Patricia si rispettano”

Il racconto continua. “Ora ho imparato a sapermi tenere sotto controllo. Ed Anna e Patricia sono la mia vera ricchezza. Amo entrambe, così come amo le mie figlie. Insieme siamo una bellissima famiglia. Per quanto riguarda me, sarò bigamo anche nell’aldilà”, dice Pupo tra il serio e il faceto. Le due sono anche molto amiche da tempo. Il matrimonio con Anna avvenne nel 1975, con lui che aveva appena 19 anni. A ‘Domenica Live’ il cantante ha spiegato che “inizialmente con Patricia è iniziata da 30 anni. Ci frequentavamo segretamente perché ero sposato. Poi tutto si è svolto naturalmente. E tra le due io non ho affatto delle preferenze, anche se un pò di gelosia fra loro la avverto. Ma sono sempre assai rispettose. Sconsiglio comunque a chiunque di fare come me, perché non è affatto una cosa semplice. Gestire una condizione del genere non è uno scherzo”.