giorgia

“Ho pensato di voler morire, ho toccato il fondo”: Giorgia, ai microfoni del settimanale Grazia, si lascia andare ad una dolorosa confessione.

La morte di Alex Baroni rappresenta ancora oggi un grande dolore per Giorgia che, tuttavia, a distanza di anni, riesce a parlarne. L’artista ha così affrontato l’argomento in una toccante intervista rilasciata ai microfoni del settimanale Grazia.

Giorgia e il dolore per la morte di Alex Baroni: “Ho pensato di voler morire, ho toccato il fondo”

Era il 13 aprile del 2002 quando Alex Baroni perse la vita per un tragico incidente. Per Giorgia fu un dolore davvero grande da affrontare come confessa, a distanza di anni, ai microfoni di Grazia. “Davo un po’ i numeri in quegli anni. Il mio manager mi aveva convinto a non smettere di lavorare. Addirittura il giorno del funerale mi hanno prendere un aereo per l’Olanda. Ma non avrei dovuto: finivo i concerti e piangevo”, ricorda oggi Giorgia.

“A un certo punto ho pensato anche di voler morire, pensavo: così lo ritrovo subito da qualche parte. Ho toccato il fondo dei pensieri, la disperazione” – spiega ancora la cantante che poi aggiunge – “La vita non mi aveva ancora insegnato che può accadere: ti saluti senza sapere che non ti vedrai più. Ma poi sono risalita: perché prima o poi la vita ti insegna anche a sfruttare il dolore come risorsa”.

Ad aiutarla fu l’incontro con Emanuel Lo, ballerino e coreografo che, con tanta pazienza, riuscì a guarire le ferite del suo cuore e a conquistarla. Insieme, sono riusciti ad affrontare tante situazioni difficili e a coronare il sogno di diventare genitori con la nascita del figlio Samuel. “Ne avevo 31 quando ci siamo conosciuti, lui 23. Mi ha presa che ero un puzzle in pezzi e nonostante fosse tanto più giovane di me è riuscito a ricostruirmi”, spiega a cantante.