Fernando Alonso (©Getty Images)

F1 | Fernando Alonso sicuro di sé: “Sono il migliore al mondo”

Chi si loda s’imbroda, ma visto che stiamo parlando di Fernando Alonso non c’è da stupirsi. Apparso martedì mattina sul tracciato del Bahrain per effettuare un test con la McLaren focalizzato sulle gomme Pirelli 2020, il Samurai oltre a dare le sue impressioni sulla MCL34, non ha mancato di auto-elogiarsi come è ormai suo costume.

E’ sempre bello mettersi al volante di una F1 perché queste sono le auto più veloci al mondo, e ogni pilota ama sentire la velocità e l’adrenalina. Anche se ci ha condizionato un po’ la pioggia, è stata una giornata positiva”, ha dichiarato soddisfatto ai media presenti a Manama.

Rispetto a quella del 2019, questa monoposto sembra un passo avanti. Dispone di maggior trazione, meno drag e pure il motore è cresciuto. In generale il pacchetto è più competitivo. Abbiamo visto nelle prime due gare che c’è ancora un altro step da fare se si vuole lottare con le prime tre squadre, ma credo sia possibile puntare al ruolo di quarta forza giocandosela con la Haas. Questo è l’obiettivo che vedo dopo aver guidato”, ha analizzato le sensazioni fornite dalla macchina.

Per tutte le notizie di F1, MotoGP e WRC CLICCA QUI

Chiamato a rispondere su un suo possibile rientro nella massima serie, l’asturiano ha negato la chance.  “Ciò che sognavo di ottenere l’ho ottenuto in passato, non ho nessun rimpianto. Se un giorno dovessi tornare, cosa di cui dubito, sarà perché posso essere nelle condizioni di vincere il titolo“.

Attivo su diversi tipi di vettura e di gare, il nuovo Alo ha un obiettivo ben preciso da seguire: Voglio dimostrare di essere il più forte pilota al mondo, che è poi ciò che penso di me. Purtroppo le potenzialità del mezzo incidono molto sulle prestazioni. In ogni caso, sono stato fortunato ad aggiudicarmi due coppe, ma l’ultima è stata probabilmente la mia stagione migliore. 21-0 contro il mio compagno di squadra, non mi era mai successo prima“.

Infine, alla domanda sul proprio futuro, l’asturiano ha buttato lì un altro seme di superbia: “Fino a quando mi sentirò competitivo. Forse un giorno salterò su una F1 e troverò un ragazzo che con la mia stessa macchina sarà più veloce. Ma per quanto ne so, finora non è mai successo, di conseguenza mi tocca continuare a guidare”.

Chiara Rainis