Eliambulanza
Eliambulanza (foto dal web)

Nella mattinata di ieri, un 49enne è morto mentre sciava su una pista di Bormio in seguito ad uno scontro con un altro sciatore. L’altro soggetto coinvolto è stato ricoverato in ospedale e non sarebbe in gravi condizioni.

Intorno alle 11 di ieri mattina una tragedia si è consumata sulla neve della Valtellina, dove un uomo di 49 anni ha perso la vita in uno scontro con un altro sciatore mentre sciava. La vittima è Giovanni Mariani, residente a Vimercate, comune nella provincia di Monza. L’incidente si è verificato sulla pista Cima Bianca di Bormio, dove in seguito allo scontro  sono arrivati i sanitari del 118 con l’eliambulanza che hanno provato a rianimare l’uomo e soccorso l’altro sciatore coinvolto. Inutili sono risultati i tentativi di rianimare Mariani deceduto a causa della frattura del collo, mentre l’altro sciatore, Mauro Corti di 47 anni, è stato trasportato in ospedale in eliambulanza dove gli sono state diagnosticate alcune contusioni e lesioni.

Scontro violento tra due sciatori: muore un 49enne di Vimercate

Un drammatico scontro tra due sciatori sulla pista Cima Bianca di Bormio si è verificato ieri mattina intorno alle 11. Nell’impatto violento una delle due persone coinvolte, Giovanni Mariani, 49enne di Vimercate (Monza) ha perso la vita a causa della frattura del collo. Sul posto sono giunti subito gli agenti della polizia della Questura di Sondrio ed i soccorsi del 118 con l’eliambulanza, i quali hanno provato a rianimare Mariani che, dopo un quarto d’ora dall’arrivo dei soccorritori, è deceduto. L’altro sciatore coinvolto, Mauro Corti 47enne di Seregno (Monza) è stato trasportato in elicottero presso l’ospedale Eugenio Morelli di Sondalo, dove gli sono state riscontrate alcune contusioni e lesioni e le sue condizioni non sembrerebbero gravi. Secondo la ricostruzioni degli agenti di Polizia, i quali hanno ascoltato le testimonianze dei presenti tra cui i familiari dei due soggetti coinvolti, il violento impatto è avvenuto a 2800 metri d’altezza e potrebbe essere stato determinato dall’alta velocità. Il pubblico ministero di turno di Sondrio ha concesso la rimozione della salma della vittima e non è stata ancora disposta l’autopsia.

Leggi anche —> Schianto mortale: addio al celebre chirurgo plastico dei Vip