Chi è Zuzana Caputova: il nuovo volto del cambiamento

0
67
Zuzana Caputova
Zuzana Caputova, il nuovo premier della Slovacchia (Getty Images)

Zuzana Caputova, 45 anni, madre di due figlie ed avvocato, è la prima donna ad essere eletta capo di Stato nell’Europa centro-orientale. È entrata in politica dopo l’assassinio del giornalista Jan Kuciak e della sua compagna, per il quale è stato accusato il miliardario Marian Kocner.

Zuzana Caputova è la prima donna a divenire Presidente della Slovacchia, nonché prima donna ed essere eletta capo di Stato nell’Europa centro-orientale. Senza un’esperienza politica alle spalle, ma con un vissuto da ambientalista ed attivista anti corruzione, a favore dei diritti civili. Avvocato di professione, la Caputova rappresenta il simbolo di cambiamento e di opposizione all’estrema destra ungherese di Viktor Orban.

Chi è Zuzana Caputova: biografia e riconoscimenti

Zuzana Caputova nasce a Pezinok, in Slovacchia, da una famiglia operaia e diventa famosa grazie alla battaglia ambientalista ingaggiata contro una discarica abusiva presente nella sua città. Il suo impegno e le sue lotte per l’ambiente le sono valse nel 2016 l’assegnazione del Goldman Prize, il maggior riconoscimento per gli ambientalisti. Decide di entrare in politica a seguito di un particolare avvenimento: la morte di un giovane reporter, Jan Kuciak, e della sua compagna Martina Kusnirova. Il giovane si era occupato di portare avanti un’inchiesta contro il miliardario Marian Kocner. Dopo anni di indagine il magnate è stato accusato dalla polizia di essere stato il mandante dell’omicidio, essendo stata scoperta una fitta rete di intimidazioni, corruzioni e minacce. Il terribile evento, che ha scosso notevolmente l’opinione pubblica, ha destabilizzato il consenso che il popolo slovacco aveva accordato al partito socialdemocratico ed ha portato alle dimissioni dell’allora premier Robert Fico, poi sostituito da Peter Pellegrini.

La Caputova, attivista anti corruzione, ha deciso di candidarsi alle presidenziali sostenuta da due movimenti civici: Slovacchia Progressista e Insieme-Democrazia civica. Se in un primo momento era riuscita a guadagnarsi la fiducia di solo del 9% degli elettori, in pochissimo tempo ha dimostrato di poter essere il volto del vero cambiamento. Ambientalista, a favore della comunità Lgbt e dell’aborto, progressista ed europeista, una personalità che fino ad ora la Slovacchia non aveva mai visto e che l’ha resa purtroppo bersaglio degli estremisti di destra.