Leclerc non dimentica Melbourne: “Che felicità stare davanti a Vettel”

0
179
Charles Leclerc (©Getty Images)

F1 |Leclerc non dimentica Melbourne: “Che felicità stare davanti a Vettel”

Pur essendosi comportato da uomo squadra e al termine del GP d’Australia aver minimizzato o comunque dato ragione al muretto Ferrari per l’ordine di scuderia impartito a suo danno al giro 31 quando gli è stato impedito di superare Vettel, è evidente che Charles Leclerc in cuor suo non ha digerito di essere stato fermato nella prima gara dell’anno.

Ecco perché dopo aver stracciato la concorrenza nelle qualifiche del Bahrain con un 1’27″866 inavvicinabile per chiunque, ed essere entrato di diritto nella storia, il monegasco ha voluto dedicare subito un pensiero al suo impegnativo team-mate. “Ovviamente Sebastian è un pilota incredibile. Ho imparato molto da lui ed è probabile che continuerò a farlo per il resto della stagione. Ma per il momento mi sento davvero felice di essergli arrivato davanti. Sì, estremamente felice“, ha dichiarato con un certo godimento al termine delle prove.

Per tutte le notizie di F1, MotoGP e WRC CLICCA QUI

Con questa prestazione il 21enne ha dimostrato che in teoria avrebbe tutte le carte in regola per puntare direttamente al mondiale, ma è possibile che per accordi presi alla firma de contratto non gliene sarà data la chance da parte del boss Binotto e soci. In ogni caso è facile immaginare che una volta al box Vettel abbia avuto bisogno di bere qualcosa di forte, scornato e umiliato dal suo giovanissimo collega di marca.

Andrò a dormire e poi mi preparerò per la corsa“, ha detto con serenità Leclerc, soddisfatto della costanza di passo fatta vedere nella sessione di qualifica dove ha chiuso in testa due della tre fasi in programma e lucido abbastanza da riflettere sugli errori commessi all’Albert Park.

A Melbourne non sono andato bene sabato pomeriggio“, ha analizzato. “Ho sbagliato nel Q3, dunque in questi giorni ho cercato di lavorare per trovare una soluzione e non ripeterli più“, ha concluso con maturità.

Chiara Rainis