Bambina uccisa dal patrigno, poi lui gioca ai videogames con la mamma – FOTO

0
474
bambina uccisa
Bambina uccisa dal patrigno, poi lui gioca ai videogames (foto dal web)

Bambina uccisa di botte, c’è un elemento sconcertante subito confermato all’arrivo dei soccorsi: “Comportamento sconcertante dalla madre e dal patrigno”.

C’è da non credere nel caso della bambina uccisa avvenuta in Inghilterra, nella regione della Cornovaglia. Qui un uomo di 31 anni, Tom Curd, si è scagliato contro la figlia della sua compagna, di appena 2, e che quest’ultima aveva avuto da una precedente relazione. Il fatto è avvenuto nella loro abitazione di Liskeard. Curd, che è stato descritto come un individuo da sempre violento, era solito picchiare la piccola ed anche la sua convivente. La bimba è stata massacrata di botte, ma ad ucciderla è stata una dose eccessiva di codeina, sostanza con la quale il 31enne ha avvelenato Eve – questo il nome della piccola vittima – nel tentativo di farla stare buona. Quel che colpisce ancora di più è che però Curd, invece di prestare soccorso alla piccina, si sarebbe messo a giocare ai videogames assieme proprio alla compagna, una donna di 26 anni.

LEGGI ANCHE –> Suicidio a 20 anni, Cinzia scrive una lettera e poi si uccide – FOTO

Bambina uccisa, il padre: “Volevo strappare la testa a quel mostro”

Il fatto è accaduto diverso tempo fa ed ora il processo a carico dei due si è concluso con la condanna per omicidio per lui e di favoreggiamento, omessa denuncia ed omissione di soccorso per lei. Ma ci sono anche altri reati che pendono sul loro capo. Le udienze in tribunale si sono svolte per alcuni giorni consecutivi, e durante ogni giornata il padre della bambina uccisa si è sobbarcato un viaggio di 10 ore dalla lontana Mansfield. Alla stampa ha affermato di avere il cuore in pezzi e di aver desiderato di “strappare la testa a quel mostro. Sono stato travolto da una serie di emozioni. Prima che si celebrasse il processo non ero a conoscenza di molti dettagli. Non sapevo quali ferite quell’abominio di persona avesse provocato a mia figlia. Sono sconcertato, e dopo averlo guardato per un paio di volte negli occhi ho sentito crescere in me la rabbia. Ora penso solo a far riposare la mia Eve come merita”.

LEGGI ANCHE –> Incidente stradale, 2 morti ed un ferito gravissimo: “È stato terribile”

La bambina uccisa veniva maltrattata da tempo

La bimba era sottoposta a diversi maltrattamenti e viveva in precarie condizioni ambientali ed igienico-sanitarie. Si apprende che in passato aveva subito diverse fratture, anche negli stessi punti più volte. L’autopsia ha confermato che la causa della morte è da ricercare “nel fegato lacerato e nell’eccesso di codeina nel suo corpicino. Si sarebbe potuta salvare con un tempestivo soccorso medico”. I sanitari però avevano trovato Eve ormai morta già da molto tempo. In tutto ciò la madre e Tom Curd sono stati trovati davanti alla tv. E la relativa indagine ha confermato anche che i due hanno passato il tempo a videogiocare e chattare sui social network.