Ballando, la malattia di Milly: “Io e quel male che non guarisce”

0
1404

Milly Carlucci e un  2018 da dimenticare. Un anno che ha segnato moltissimo la nota conduttrice di Ballando con le Stelle. La donna, è stata segnata anche lei dalla morte di Fabrizio Frizzi e anche lei ha un problema di salute importante.

Oggi è ricominciata la trasmissione Ballando con le Stelle. Ma in tanti ricordato la malattia rara che ha Milly sulla pelle.

La nota presentatrice, icona della rai da oltre 20 anni e madrina del sabato sera della prima televisione di Stato, su Instagram è molto attiva con Ballando con le Stelle on the road. Ha tantissimi seguaci Milly, che in questi mesi hanno percepito del malessere nella presentatrice. la donne,  è evidentemente molto affaticata e non è in forma come qualche tempo fa. Milly in un’intervista ha voluto spiegare le ragioni di questo suo malessere.

La donna infatti, ha una  patologia che le impedisce di esporsi ai raggi ultravioletti e purtroppo, chi ha questa malattia, non può curarsi perchè non esiste un modo per farlo.

Purtroppo, come per la psioriasi, si può solo alleviare con delle creme, ma non si può guarire. Si tratta di una patologia che colpisce cinque persone su un milione, quindi molto rara. In linguaggio scientifico la malattia ha il seguente nome: EPP-protoporfiria .

E proprio in una recente intervista Milly ha parlato proprio di questo problema che le crea parecchi disagi:

“Da maggio a settembre evito di stare al sole e indosso sempre cappelli a falde larghe, occhiali scuri che coprano completamente gli occhi, magliette a maniche lunghe e pantaloni di cotone fino alla caviglia sia al mare che in montagna, dove per l’alta quota i raggi solari sono molto forti e nocivi. In città senza protezione solare totale non potrei neppure uscire di casa“.

Da marzo intanto inizierà la nuova stagione di ballando , ma ancora non sono stati resi noti i nomi dei partecipanti a questa trasmissione che ha fatto la storia del sabato sera per Rai uno, molto amata da chi ama ballare e non solo.