Mattia Binotto: “Segnale forte. Tra Leclerc e Vettel c’è lo spirito giusto”

Il team principal della Rossa è entusiasta

0
184
Mattia Binotto (Getty Images)

F1 | Mattia Binotto: “Segnale forte. Tra Leclerc e Vettel c’è lo spirito giusto”

La Ferrari è tornata in vetta, ma domani l’attende un esame davvero durissimo. La gara, infatti, si preannuncia molto combattuta con le Mercedes che hanno dimostrato di potersela giocare con le Rosse in termini di velocità. La notizia del giorno però è sicuramente la pole firmata da Charles Leclerc che si è piazzato davanti al proprio compagno di squadra.

Il driver monegasco ha dimostrato di essere il più veloce in pista sin dai primi turni di prove libere e anche firmato il nuovo record assoluto della pista strappandolo dalle mani proprio del suo compagno di squadra Sebastian Vettel che è stato costretto, causa gomme, a fare un solo tentativo in Q3.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti sulla Ferrari CLICCA QUI

Binotto entusiasta

A margine delle qualifiche ha fatto sentire la propria voce il nuovo team principal Ferrari, Mattia Binotto, che ai microfoni di “Sky Sport” ha così affermato: “Grande Charles e anche Sebastian che hanno portato a casa tutta la prima fila. Siamo contenti, sapevamo che sarebbe stato difficile oggi e tutto sommato lo è stato. Se guardiamo le Mercedes sono vicinissime, però per noi contava di più il risultato dopo l’Australia. Siamo molto contenti, sono molto contento personalmente della squadra per come ha reagito”.

Il numero uno della Rossa ha poi proseguito: “Non ci siamo mai disuniti, bravi. Credo che questo sia il risultato più bello. Non ho visto l’abbraccio tra Sebastian e Charles, ma mi fa piacere, credo sia lo spirito giusto. Tra di loro c’è uno spirito di collaborazione e questa è una buona cosa. Il segnale forte l’abbiamo dato oggi, domani sarà durissima, vedremo come andrà a finire. La gara è altra cosa, conterà l’affidabilità e un po’ tutto. Credo che la stagione è ancora lunghissima, guardiamo passo dopo passo. Ora guardiamo domani, poi vedremo la prossima”.

Antonio Russo