MotoGP Argentina, Lorenzo: “Il fisico non è il problema principale”

Jorge Lorenzo MotoGP Argentina 2019
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

MotoGP, Argentina 2019: Lorenzo indietro dopo le prove libere, fatica con la Honda.

Non è stato un venerdì di prove libere MotoGP positivo per Jorge Lorenzo in Argentina. Il ventunesimo posto finale testimonia le difficoltà che sta vivendo il maiorchino.

È arrivato a Termas de Rio Hondo con alcuni problemi di carattere fisico. Il “vecchio” infortunio allo scafoide sinistro ancora da smaltire al quale si è aggiunto anche la frattura ad una costola rimediata nel weekend del Qatar. Una situazione non ideale per il cinque volte campione del mondo, che però ha sofferto pure la mancanza di feeling con la sua Honda RC213V.

MotoGP Argentina, Lorenzo fatica a Termas de Rio Hondo

Dopo la seconda e ultima sessione di prove libere MotoGP del venerdì, Lorenzo si è concesso ai microfoni di Sky Sport per commentare la sua situazione. Ha esordito così: «Mi mancano chilometri e capire tante cose della moto. Sono penultimo, però a nove decimi dal primo. L’Argentina non mi è mai piaciuta, perché c’è poco grip ed è difficile per me soprattutto perché devo capire ancora degli aspetti. Piano piano arriverò davanti».

Il cinque volte campione del mondo non ha voluto giustificarsi parlando dei suoi problemi fisici, ha preferito evidenziare che ancora non conosce sufficientemente la Honda per riuscire a guidarla come vorrebbe: «Non sono in condizioni fisiche perfette – ammette -, però non è questo il motivo principale della mia performance. È più colpa dell’inesperienza e del non aver ancora compreso la moto. Questo GP e quello di Austin per me saranno complicati, già a Jerez potrà andare meglio. Servono calma e pazienza, lavorando bene per migliorare».

Per Lorenzo quello di Termas de Rio Hondo sarà un fine settimana complicato. Spera comunque di progredire oggi, per poi in gara riuscire almeno a conquistare punti. Il suo inizio di stagione nel team Repsol Honda non è stato come lo sognava, però Jorge è un combattente e uscirà fuori da questo momento difficile.

 

Matteo Bellan