Superbike, Lowes: “Non so come battere Ducati, complimenti a Bautista”

0
198

Superbike 2019: Lowes vuole potersela giocare con Bautista e Ducati.

Dopo due quarti posti e un quinto in Australia, sono arrivati tre podi per Alex Lowes in Thailandia. Il pilota inglese è arrivato dietro ad Alvaro Bautista e Jonathan Rea nelle manche Superbike disputate presso il Chang International Circuit di Buriram.

La Yamaha R1 si è mostrata una buona moto, considerando anche le prestazioni degli altri rider che la guidano. Tuttavia, questo 2019 doveva essere l’anno del salto di qualità per la casa di Iwata in SBK e dunque del costante assalto alla zona podio e alla vittoria. Certamente le performance di Bautista e della Ducati Panigale V4 R hanno sorpreso tutti, però nei prossimi GP ci si aspetta di vedere Lowes, Van der Mark e Melandri più in lotta per vincere.

Superbike 2019, Lowes si congratula con Bautista e Ducati

Lowes, intervistato da Speedweek, è sembrato un po’ scoraggiato dopo aver visto il dominio esercitato da Bautista: «Non ho idea di come raggiungere Ducati, non ho quasi mai visto Alvaro sulla pista in Thailandia. Anzi, in Gara 1 l’ho superato, ma poi mi ha ripassato nel successivo rettilineo. Dopodiché è scomparso ed difficile da digerire. È ovvio che la sua moto è molto più veloce. Ma venire qui, battere tutti e vincere le prime sei gare è fantastico, non posso che congratularmi con lui».

Il pilota inglese del team Pata Yamaha WorldSBK ammette la superiorità della Ducati e di Bautista. La supremazia mostrata tra Australia e Thailandia è stata incredibile. L’ex rider MotoGP ha vinto con distacchi molto elevati, nessuno poteva prevedere un simile scenario. Tuttavia, non bisogna arrendersi. Arriveranno anche piste nelle quali la Panigale V4 R probabilmente mostrerà qualche difficoltà in più, essendo comunque una moto ancora molto giovane e da “sgrezzare” completamente.

I team Yamaha e Kawasaki non devono affatto arrendersi, in particolare i piloti. Mancano ancora moltissime gare e ci sono in palio tantissimi punti, il campionato mondiale Superbike rimane apertissimo. Certo, sarebbe opportuno reagire allo strapotere del binomio Bautista-Ducati già nel prossimo Gran Premio di Aragon. La pista spagnola è diversa rispetto a quelle di Phillip Island e Buriram, forse potrebbe esserci maggiore battaglia per la vittoria. Lowes dovrà farsi trovare pronto.

 

Matteo Bellan