Fedez, la verità sulla fine dell’amicizia con J-Ax e Rovazzi – VIDEO

0
228
fedez j-ax rovazzi
Parla Fedez: “Vi spiego perché con J-Ax e Rovazzi è finita”

In una intervista Fedez confessa ciò che è accaduto con Fabio Rovazzi e J-Ax. Il marito di Chiara Ferragni parla a ruota libera.

Fedez parla di J-Ax e Fabio Rovazzi, con i quali non c’è più il rapporto di un tempo. Una cosa che è sotto la luce del sole e che è nota a tutti. Il 29enne cantante milanese ha affermato nel corso di una intervista a Marco Montemagno: “Si me si è detto di tutto nell’ambito discografico. Che sono un pessimo, che sono cinico, guerrafondaio. Ma mai nessuno potrà dire ‘Fedez è disonesto’. Sono sempre sincero e trasparente e sono fortunato ad aver fatto della mia passione un lavoro. E viceversa. Infatti oggi lavoro anche per divertirmi, e non perché mi occorra denaro. Cerco di dare il più possibile agli altri, ma spesso c’è chi se ne approfitta. Di quanto fatto con Rovazzi o con J-Ax non rinnego niente, abbiamo fatto grandi cose, magari non eccelse a livello musicale ma belle in termini discografici. All’inizio venivamo visti come una ‘lobby discografica’ che a tavolino aveva creato quel ‘mostro di Rovazzi’. Ma non era così. Fabio faceva la canzone e noi gli fornivamo i mezzi, dimostrandoci abili nel promuoverlo, nell’andare in tv e nel chiudere coi brand. All’inizio Fabio era amico mio, andavamo in vacanza insieme per dire“.

LEGGI ANCHE –> Fabrizio Corona, compleanno in carcere e parole choc: “Morirò così”

Fedez, a ruota libera su J-Ax e Rovazzi

Poi c’è stata la separazione. “E quando questo accade è anche per colpa mia. Che non riesco a vivere le cose in modo artefatto e mescolo il lavoro con l’affettività. Non so tenermi il disagio dentro”. E con J-Ax? “Insieme abbiamo aperto una etichetta, fatta inizialmente per uccidere i costi. Puntando su Rovazzi abbiamo avuto successo, ma la cosa più difficile – nonostante nessun altro ci credesse – non era puntarci ma continuare a far si che ci fosse il successo e capitalizzare ancora. Rovazzi veniva visto come un ragazzo da una hit, una meteora. Invece è durato quattro singoli. Il suo management l’ho curato io. E tra me e J-Ax, le redini le ho avute sempre io, lui ha sempre fatto da socio”.