Superbike 2019: Rea prepara la “rivincita” su Bautista nelle prossime gare.

L’impatto di Alvaro Bautista nel campionato mondiale Superbike 2019 è stato impressionante. Il pilota spagnolo ha conquistato tutte le manche in Australia e Thailandia con la Ducati Panigale V4 R. Ci si domanda se questo dominio proseguirà oppure se qualcuno riuscirà a contrastarlo.

Jonathan Rea, quattro volte campione del mondo SBK, non è riuscito a fare niente contro lo strapotere del rivale a Phillip Island e Buriram. Il rider della Kawasaki si è dovuto accontentare di arrivare sempre secondo, ottenendo il massimo possibile. Tuttavia, auspica di riuscire a rispondere nei prossimi appuntamenti di Aragon e Assen. Piste diverse dalle prime e nelle quali la ZX-10RR potrebbe giocarsela maggiormente.

Superbike 2019: Bautista domina, ma Rea vuole reagire

Jonathan Rea, intervistato da Speedweek, pensa che nei prossimi appuntamenti del campionato mondiale Superbike potrà essere maggiormente protagonista. Queste le sue parole ricche di fiducia: «Assen, Imola e Laguna Seca sono i classici circuiti di Superbike dove si vedranno maggiormente i benefici del mio stile di guida. Sono veloce su piste come l’ultima in Thailandia, ma lì ho perso troppo tempo sui lunghi rettilinei. Nessuno dei piloti del WorldSBK deve farsi prendere dal panico. Ognuno fa un lavoro impeccabile».

Il quattro volte campione del mondo SBK non cita Aragon, la prossima tappa del calendario. Comunque al MotorLand ha ottenuto tre vittorie ed è sempre salito sul podio da quando corre con la Kawasaki. In Spagna nel test di novembre il nord-irlandese era andato bene, anche se allora sia la sua Ninja ZX-10RR che la Ducati Panigale V4 R erano ancora in fase di sviluppo. In ogni caso, Rea intende reagire subito al dominio di Bautista per non perdere troppo terreno nella classifica generale, che lo vede staccato di 26 punti rispetto al rivale. Un gap ancora piccolo, tenendo conto che ci sono tre manche per weekend, ma è importante anche a livello psicologico riuscire a mettersi davanti ad Alvaro in gara.

Dopo Aragon (5-7 aprile), arriverà subito il Gran Premio d’Olanda 2019 ad Assen. Sul circuito olandese Johnny ha ottenuto risultati fantastici in questi anni. Ha fatto doppietta nel 2015, 2016 e 2017. Nella passata stagione ha vinto Gara 1 ed è arrivato secondo, dietro all’allora compagno Tom Sykes, in Gara 2. Bisognerà poi aspettare maggio (10-12) per l’appuntamento in Italia presso l’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. Successivamente nel calendario ci saranno le tappe di Jerez, Misano e Donington prima della trasferta negli Stati Uniti per correre a Laguna Seca, GP che precede la lunga pausa estiva.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

I’ll not be need the new @alpinestars cooling vest this week! It’s freezing back home!

Un post condiviso da Jonathan Rea (@jonathan_rea) in data:

 

Matteo Bellan