Pininfarina Battista, l’hypercar elettrica italiana più veloce di sempre

0
163
Pininfarina Battista
Getty Images

Pininfarina Battista, l’hypercar elettrica italiana più veloce di sempre

L’hypercar a motore elettrico Pininfarina Battista, che i suoi produttori affermano essere la più potente auto da strada mai prodotta in Italia, farà la sua prima apparizione nel Regno Unito al Goodwood Members Meeting il 1 aprile.

La macchina da 1900 CV, lanciata al recente motorshow di Ginevra, sarà esposta in uno speciale padiglione nel paddock di Goodwood. Avrà un motore separato per ogni ruota e sarà in grado di scattare da 0 a 100 km/h in meno di 2 secondi e una velocità massima di circa 350 km/h. Il powertrain è in gran parte condiviso con Rimac C_Two , ma il CEO di Automobili Pininfarina, Michael Perschke, ha voluto sottolineare le differenze tecniche tra i due.

“Non lo paragonerei a qualcosa come un’Audi R8 e una Lamborghini Huracán. Sono tecnicamente identici “, ha detto ad ‘Autocar’. “Condivideremo probabilmente il 40-50% delle componenti tecniche pure. C’è lo scheletro grezzo della trasmissione, ma come è stato sintonizzato – l’ampiezza di accelerazione, le caratteristiche della modalità di guida – queste vengono tutte da noi e sono molto diverse”.

Perschke ha descritto il rapporto di Pininfarina con Rimac – lo specialista di veicoli elettrici in Croazia fondato da Mate Rimac e parzialmente di proprietà di Porsche – come quello dei “frenemies”, sia in competizione che in collaborazione. “Siamo il più grande cliente di Mate”, ha affermato. “Da un punto di vista operativo giorno per giorno, siamo più importanti per lui di quanto lo sia Porsche”. Pininfarina progetta di costruire 150 esemplari, con vendite divise quasi equamente tra Europa, Stati Uniti e il resto del mondo. Perschke ha detto che l’interesse negli Stati Uniti è stato leggermente più forte. “Abbiamo 30 buoni acconti in banca. Negli Stati Uniti, abbiamo oltre il 65% delle auto che intendiamo consegnare già assegnate e prenotate dai clienti”.

Pininfarina all’assalto del mercato elettrico ‘Premium’

La Battista è la prima vettura 100% elettrica di Pininfarina Automobili e la società di proprietà di Mahindra prevede di lanciare tre veicoli elettrici nei tre anni successivi alla sua introduzione. Perschke ha suggerito che due saranno crossover per competere con Bentley Bentayga e Lamborghini Urus. Questi saranno molto meno costosi rispetto alle sette cifre della Battista. L’ambizione dell’azienda è di vendere tra le 8000 e le 10.000 auto all’anno entro cinque anni.

Pininfarina ha fatto diversi grandi assunzioni, la più recente è stata René Wollmann, già project leader del Mercedes-AMG Project One. Wollmann collaborerà con il capo tecnico Christian Jung, che si è unito a Porsche l’anno scorso, e l’ex ingegnere Bugatti Peter Tutzer. Il design di Battista è stato guidato dal boss dello styling di Pininfarina Automobili, Luca Borgogno. Nonostante il gruppo motopropulsore radicalmente diverso e il pacco batteria basso, la Battista ha mantenuto le proporzioni di una classica supercar a motore centrale. Le consegne ai clienti inizieranno entro la fine del 2020 in Europa, con vendite negli Stati Uniti e in Asia dopo il 2021.

Automobili Pininfarina subito dopo la Battista ritornerà sul mercato elettrico con tre SUV che arriveranno entro cinque anni. Il più grande, nome in codice PF-One, sarà una risposta al Lamborghini Urus. Gli altri due saranno rivali rispettivamente alla Porsche Cayenne e alla Porsche Macan. Secondo indiscrezioni il SUV più veloce offrirà uno scatto 0-100 km/h in meno di 3 secondi.