“Il più grande errore della mia vita”: la triste confessione di Antonella Clerici

0
5635
antonella clerici
Antonella Clerici (foto dal web)

“Il più grande errore della mia vita”: Antonella Clerici si lascia andare ad una confessione svelando che, se tornasse indietro, non lo rifarebbe mai.

Ospite del Festival delle conoscenze di Novi, Antonella Clerici ha ripercorso alcuni momenti della sua straordinaria carriera, costellata da tantissimi successi che l’hanno resa una delle conduttrici più amate dal pubbico e apprezzate dai colleghi per la sua spontaneità. Eppure, la Clerici confessa che nella sua carriera ha commesso un errore. Una scelta sbagiata che, se tornasse indietro, non rifarebbe.

Antonella Clerici: “Portobello è stato un errore. Riproporlo non ha funzionato”

Dopo aver lasciato “La prova del cuoco” che ha condotto per 18 anni contribuento a renderla una delle trasmissioni più amate e seguite di Raiuno, Antonella Clerici è tornata in tv con una nuova edizione di Portobello, la storica trasmissione di Enzo Tortora che, però, il pubblico non ha particolarmente apprezzato. A distanza di mesi, oggi, la Clerici ammette che riportare in tv Portobello è stato un errore.

“Bisogna accettare anche i fallimenti – ha spiegato la Clerici agli studenti presenti al suo intervento – Anch’io ho attraversato degli insuccessi. Come il remake di Portobello. È stato un errore. Ho capito che era stata una trasmissione setacciata da tutti e ho capito che riproporla non ha funzionato”.

“Occorre ammetterlo, l’errore – ha aggiunto la conduttrice – Ho fatto grandi successi, ma ho fatto pure dei flop. Come per Portobello. Magari non ero giusta io per quella trasmissione. E la gente faceva il paragone con l’originale di Tortora”.

Infine, prima di congedarsi, ha rivolto un appello alle nuove generazioni che ama molto come si evince anche dalle trasmissioni che conduce, ultima Sanremo Young dedicata proprio ai giovani talenti della musica. “Andate a esplorare cose nuove con le possibilità che avete oggi con il web Non fate i pecoroni. Conoscenza è libertà. No alla violenza è libertà. L’ignoranza crea problematiche. Nell’ignoranza si può manipolare la persona”, ha concluso.