Dakar 2020, Fernando Alonso ha provato la Toyota Hilux

0
130
Fernando Alonso (©Getty Images)

Dakar 2020, Alonso ha provato la Toyota Hilux

In attesa di quello che potrebbe essere il suo debutto in uno dei rally raid più pericolosi in assoluto il prossimo gennaio, Fernando Alonso ha cominciato a farsi le ossa e dopo essere volato in sud Africa, ha provato per la prima volta l’ebrezza di guidare una Toyota Hilux, vincitrice ad inizio anno della Dakar 2019 con il qatariano Nasser A-Attiyah.

Il test si è svolto a 900 chilometri da Johannesburg, in un’area desertica composta da dune basse e sterrato.

E’ stata occasione di misurarmi con qualcosa di nuovo“, ha confidato l’asturiano. “Questa è una delle discipline più complesse e difficili dell’automobilismo. I piloti lottano contro cose che sfuggono al proprio controllo. Non si corre in spazi circoscritti come i circuiti, ma all’aperto e tutto può accadere. Devi adattarti, essere concentrato per molto tempo perché le tappe sono molto lunghe. La Dakar è la gara più dura al mondo“.

A fare da tutor al due volte iridato di F1 c’erano il driver ufficiale Gazoo Racing Giniel De Villiers e il  navigatore Dennis Murphy.

“E’ stato divertente. Diverso senza dubbio e interessante. La vettura sopporta parecchio stress e la posizione al volante è decisamente alta”, ha proseguito l’asturiano condividendo le sue sensazioni. “E’ stato abbastanza difficile per via dei salti, delle tante rocce e delle dune, alcune delle quali cieche. Non è stato facile capire a che velocità affrontarle“.

Per tutte le notizie di F1, MotoGP e WRC CLICCA QUI

Nel complesso il test è andato bene, nel corso della giornata ho aumentato il mio ritmo e ho avuto più fiducia. E’ tutto molto differente. Le buche sono ancora complicate da leggere, ma l‘auto è ben bilanciata, ha un buon grip, è potente e ha un’ottima frenata. Tutto sembra incredibile. Dopo pochi minuti mi sono sentito a mio agio, più di quanto avrei mai potuto pensare. Devo però ammettere che all’interno dell’abitacolo fa davvero un gran caldo“, la sua considerazione finale.

Chiara Rainis