Aston Martin Rapide AMR 2019: una quattro porte con l’animo da supercar

0
97
(websource)

La nuova rivoluzione Aston Martin è in corso. E questa Rapide, stravagante come sono diventate le auto su piattaforma VH, che con quattro porte e quattro posti a sedere, è l’ultima della vecchia linea di auto a scomparire.

Sta uscendo in serie limitata AMR. Ce ne saranno 210, con 35 cavalli in più e un costo di 53.275 euro in più rispetto a una Rapide S, quindi 595 CV e 230.000 euro.

Potreste trovare esempi non registrati della Vanquish S presso i rivenditori, ma la produzione è terminata. Queste sono le ultime auto basate su piattaforma VH. La produzione e alcune consegne sono già iniziate, ma è ancora possibile ordinarne una.

Vi saranno freni in carbonio e ceramica dietro le ruote da 21 pollici e la messa a punto specifica AMR, trasformando quella che era l’auto GT più “tranquilla” di Aston, in qualcosa di più “rauco”.

Come sempre, il V12 aziona le ruote posteriori, oggi attraverso un cambio automatico a otto marce montato nella parte posteriore e un differenziale a slittamento limitato.

Queste caratteristiche sono quelle che hanno conferito alla Rapide una delle più belle equilibrature intrinseche del telaio, addirittura rispetto alcune grandi auto GT, su cui la Rapide era – e rimane – più agile e sapientemente bilanciata.

Il peso in ordine di marcia della Rapide è di 1995 kg, il che sembra molto pesante fino a quando non si realizza che una Bentley Continental GT che, pur avendo due porte in meno, pesa un altro quarto di tonnellata in più.

E ancora oggi, nove anni dopo la prima presentazione della Rapide, non ci sono molte altre auto di questo peso e dimensioni più coinvolgenti o più agili da guidare, o che nascondono così bene la loro massa.