MotoGP, caso Ducati: ufficiale, vittoria di Dovizioso confermata!

0
950

Adesso è ufficiale: il ricorso di Honda, Suzuki, Aprilia e KTM contro Ducati è stato respinto. La Corte di Appello FIM ha comunicato la propria decisione in questi minuti.

Dopo la lunga udienza di venerdì a Ginevra, era attesa per oggi la sentenza. Nella nota ufficiale viene specificato che: «Gli appelli presentati dal Team Aprilia, dal Team Suzuki, dal Team Honda e dal Team KTM sono ammissibili. I risultati della gara provvisoria sono confermati e dichiarati definitivi. La richiesta di dichiarare il Dispositivo illegale e vietarne l’uso nelle gare future è respinta».

È dunque salva la vittoria di Andrea Dovizioso nel Gran Premio del Qatar 2019 MotoGP. Salvo anche il sesto posto di Danilo Petrucci. La Corte d’Appello ha stabilito che lo spoiler montato sul posteriore della Ducati GP19 non è irregolare. Le squadre che avevano fatto ricorso ritenevano che esso generasse un effetto aerodinamico vietato dal regolamento. Invece a Ginevra hanno dato ragione alla casa di Borgo Panigale, che ha sempre sostenuto che tale dispositivo servisse principalmente per raffreddare la gomma.

Honda, Suzuki, Aprilia e KTM hanno comunque un’ultima occasione per vincere la disputa. Infatti, possono presentare un ulteriore ricorso dinanzi al Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS/CAS) di Losanna (Svizzera) entro 5 giorni ai sensi dell’articolo 3.9 del regolamento FIM World Championship Grand Prix 2019. Vedremo se i quattro team andranno avanti. Sicuramente ci saranno delle reazioni alla sentenza odierna. Anche se adesso la concentrazione è soprattutto per il Gran Premio d’Argentina che si corre nel weekend in arrivo. A Termas de Rio Hondo la GP19 monterà ancora l’appendice tanto contestata.

Matteo Bellan