Veronica Panarello
Veronica Panarello (foto dal web)

In una puntata di Segreti e Delitti, programma che si occupa di cronaca nera in onda su Canale 5, sono stati mandati in onda alcuni documenti riguardanti il caso dell’omicidio di Loris Stival.

Uno dei casi di cronaca che ha maggiormente sconvolto l’Italia è quello dell’omicidio del piccolo Loris Stival, il bambino di 8 anni ucciso a Santa Croce Camerina il 29 novembre 2014. Circa dieci giorni dopo, l’8 dicembre dello stesso anno, dopo un lungo interrogatorio in Procura, viene confermato l’arresto per la madre del bambino, Veronica Panarello, accusata di omicidio volontario e occultamento di cadavere. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la madre 26enne dopo aver strangolato il proprio figlio con delle fascette di plastica reperite nella scuola del bambino, ha abbandonato il cadavere nel canalone dove è stato rinvenuto da un cacciatore il pomeriggio stesso della sua scomparsa. La donna è stata condannata in primo grado a 30 anni di reclusione, pena confermata anche in appello. Del caso si è parlato nelle scorse settimane dopo la puntata di Segreti e Delitti andata in onda il 26 febbraio.

Omicidio Loris: i documenti mostrati a Segreti e Delitti

Il 26 febbraio scorso, a quattro anni di distanza dall’ultima edizione, è tornato su Canale 5 uno speciale del programma che si occupa di cronaca nera, Segreti e Delitti, condotto da Gianluigi Nuzzi e Cesara Buonamici. Tra i casi trattati all’interno della trasmissione anche quello del delitto di Santa Croce Camerina, il comune in provincia di Ragusa dove il 29 novembre 2014 un bambino di 8 anni venne ucciso e ritrovato in un canalone il giorno stesso della sua scomparsa. La vittima è Loris Stival e per il suo omicidio è stata arrestata e condannata a 30 anni di reclusione la madre con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere in primo grado nel ottobre  2016 ed in appello a luglio dello scorso anno. Nel corso della trasmissione di Canale 5, è stato mandato in onda un audio di una telefonata intercorsa pochi giorni dopo il ritrovamento del cadavere di Loris tra Veronica e suo marito Davide Stival. Nell’audio emerge una nuova versione data dalla Panarello nei giorni successivi al ritrovamento del cadavere: “Davide mi sono ricordata –afferma Veronica in dialetto- che una settimana fa quando ho accompagnato Loris a Taekwondo sono passati quattro ragazzi, uno più piccolo e gli altri più grandi e hanno iniziato a insultarmi, mi ricordo“. “Io – continua la madre di Loris – ho abbassato il finestrino perché Lorys era sceso dalla macchina e gli hanno detto: sei uno sporco italiano e gli sputarono. Io li ho rimproverati e loro sono scappati, erano tunisini se li vedo li riconosco“. In un altro documento mostrato nella puntata speciale, si vede Veronica che nel corso di un’audizione mentre si trova in carcere, improvvisamente si alza in piedi su una sedia affermando di saper volare. Invitata a scendere, Veronica si impegna nella pulizia della sedia sulla quale era salita e successivamente mostra la maglietta indossata su cui vi era la scritta “Hollywood“.

Leggi anche —> Omicidio del piccolo Loris: la ricostruzione del caso