Wolff teme la Red Bull: “Che potenza il motore Honda!”

0
454
Toto Wolff (©Getty Images)

F1 | Wolff teme la Red Bull: “Che potenza il motore Honda!”

Il terzo posto conquistato da Max Verstappen in quel dell’Australia, nonostante un inverno non particolarmente brillante da parte del team energetico, ha colpito molti e a quanto pare, anche il boss della Mercedes.

A spaventare Toto Wolff sarebbe stata soprattutto la facilità con cui il #33 ha infilato al giro 31 la Ferrari di Sebastian Vettel, dato alla vigilia del mondiale come super favorito per la prima vittoria stagionale, andando così a prendersi con la forza l’ultimo gradino del podio.

Per tutte le notizie di F1, MotoGP e WRC CLICCA QUI

La potenza della RB15  in quel frangente è stata enorme”, ha dichiarato a Motorsport.com il boss di Vienna ricordando la manovra dell’olandese in esterno di curva 3, “Sono contento dei risultati di Honda, perché sono un gruppo di persone davvero rispettabili. La combinazione con la scuderia austriaca diventerà certamente una minaccia. Il livello delle loro prestazioni è tale che dovremo tenerli in considerazione come avversari nel campionato“.

Viene da domandarsi se il messaggio lanciato dallo scaltro manager delle Frecce d’Argento sia davvero sentito o se piuttosto non sia soltanto un modo per degradare il Cavallino, arrivato all’Albert Park con i galloni da campione d’inverno e afflosciato non appena contava invece dimostrare.

Sta di fatto che il 47enne ha voluto pubblicamente rallegrarsi per la ripresa del motorista di Sakura, reduce da un periodo difficile con la McLaren, in cui è stato demolito dai continui insulti di Fernando Alonso.

È il primo podio dal loro ritorno e se lo meritano. Hanno attraversato alcuni momenti davvero complicato. Vederli sul podio ed ammirare la felicità di quei ragazzi è stato fantastico”, ha evidenziato.

Dello stesso parere anche Lewis Hamilton, in piazza d’onore a Melbourne. “Le Red Bull faranno parte della lotta. Credo che vedremo una bella battaglia a tre quest’anno. Sono cresciuto guardando Ayrton Senna guidare una monoposto spinta dal propulsore Honda ed insieme erano un’accoppiata formidabile. E’ bello vedere che sono tornati”, le parole del campione del mondo.

Chiara Rainis