gallagher traffik arrestati
Gallagher e Traffik arrestati, hanno picchiato e rapinato i loro giovanissimi ammiratori

Alcuni giovanissimi ammiratori sono stati picchiati e rapinati da quelli che erano i loro idoli: loro sono Gallagher e Traffik, molto noti nell’ambiente.

Gianmarco Fagà e Gabriele Magi, meglio noti come ‘Traffik’ e ‘Gallagher’, sono stati arrestati con diversi capi di accusa gravi a loro carico. I due trapper, molto noti tra i giovanissimi, hanno picchiato tre loro fans teenager con un tirapugni dopo che questi li avevano fermati per avere da loro autografi e foto ricordo. E come se non bastasse, i due ‘artisti’ li hanno pure rapinati dei loro smartphones e di un certo quantitativo di denaro. La sorpresa per le vittime di questa inattesa rapina è stata grande. Il fatto è avvenuto esattamente un mese fa, la mattina del 23 febbraio. Luogo del misfatto l’uscita della stazione Termini a Roma. Magi e Fagà hanno brutalmente pestato i ragazzini per poi allontanarsi indisturbati con il maltolto. E non contenti, durante il loro allontanamento dal posto, per non farsi riconoscere, hanno anche pestato un cittadino bengalese di 50 anni che ha avuto la sfortuna di trovarsi sul loro percorso. L’uomo era in attesa di un autobus quando Gallagher e Traffik lo hanno colpito a più riprese con calci e pugni.

LEGGI ANCHE –> Belen Rodriguez rompe il silenzio sulla relazione con Stefano De Martino – VIDEO

Gallagher e Traffik arrestati: rapina, percosse ed altre accuse per loro

Anche in questo caso hanno provato ad appropriarsi indebitamente del telefono cellulare della vittima, ma senza successo. E tutto grazie all’intervento di alcuni passanti che hanno messo in fuga i due delinquenti. Il cittadino del Bangladesh, oltre a rimediare lesioni per l’aggressione subita, aveva provato ad un certo punto a scappare. Purtroppo però era stato travolto da un’auto di passaggio, rimediando una frattura ad una gamba guaribile con 30 giorni di prognosi. Gli agenti della stazione di Roma Macao hanno individuato Gallagher e Traffik riconoscendoli colpevoli di tutto quanto successo. Uno di loro è stato scovato in provincia di Novara. L’altro si trovava invece in un salone di bellezza di Roma. Decisivo nelle indagini il contributo delle vittime, che hanno fornito precise indicazioni attraverso il loro racconto ed il riconoscimento fotografico. Gianmarco Fagà e Gabriele Magi sono riconoscibilissimi per via dei loro numerosi piercing e tatuaggi.