Omicidio Vannini: “Potrebbe arrivare un ribaltamento”

Marco Vannini
Marco Vannini (foto dal web)

L’esperta criminologa Roberta Bruzzone, sulle pagine del settimanale Giallo, ha commentato la sentenza d’appello del processo sulla morte di Marco Vannini. Secondo la Bruzzone in Cassazione potrebbe arrivare un ribaltamento.

Lo scorso gennaio  la Corte d’Assise d’appello di Roma ha alleggerito la condanna da 14 a 5 anni, comminata in primo grado ad Antonio Ciontoli, il sottufficiale della Marina distaccato ai servizi segreti che avrebbe ferito a morte Marco Vannini la sera del 17 maggio del 2015. La Corte d’Appello ha anche confermato le condanne per la moglie di Ciontoli, Maria Pezzillo e per i due figli, Federico e Martina, a tre anni di reclusione. La sentenza per i quattro imputati accusati di omicidio colposo, ha scatenato l’ira di molti, soprattutto dei genitori di Marco Vannini, adesso in attesa del giudizio della Corte di Cassazione. Sul terzo grado di giudizio si è espressa l’esperta criminologa Roberta Bruzzone sul settimanale Giallo.

Omicidio Vannini: il parere della criminologa Roberta Bruzzone

Una sentenza che ha fatto discutere molto nel corso di queste settimane quella emessa dalla Corte d’Assise d’appello di Roma nel processo per la morte di Marco Vannini, il 20enne di Cerveteri ucciso da un colpo di pistola mentre si trovava in casa dei suoceri. I giudici della Corte d’appello hanno derubricato l’accusa di omicidio volontario per Antonio Ciontoli in omicidio colposo alleggerendo la pena da 14 a 5 anni di reclusione e confermando quella a 3 anni per gli altri tre imputati del processo, la moglie e i due figli di Ciontoli. Assolta nuovamente Viola Giorgini, la fidanzata di Federico Ciontoli che si trovava in casa quella sera del 17 maggio 2015. Del caso è tornata a parlare la criminologa Roberta Bruzzone che sulle pagine del settimanale Giallo ha commentato la sentenza d’appello. Secondo la criminologa, che afferma di aver analizzato attentamente le motivazioni della sentenza emessa a gennaio, in Cassazione potrebbe arrivare un totale ribaltamento che comporterebbe un rinvio del processo che dovrà ricominciare in appello. La Suprema Corte non si esprimerà nel merito, ma valuterà l’iter del processo per stabilire che tutto si sia svolto nel rispetto delle procedure previste.

Leggi anche —> Omicidio Vannini, si apre l’appello: la ricostruzione del caso

Leggi anche —> Omicidio Vannini, la sentenza d’appello: ridotta la pena a Ciontoli – VIDEO