MotoGP, Valentino Rossi: “Il 10° titolo resta il mio obiettivo”

0
463

Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Il 10° titolo resta il mio obiettivo”

Valentino Rossi ha ancora due anni di contratto con la Yamaha, poi sapremo se deciderà di proseguire o fermarsi per concentrarsi su altro. Tutto dipenderà dal livello di competizione della M1 all’inizio della prossima stagione ma, valicata la soglia dei 40 anni, è giusto iniziare a pensare ad un futuro lontano dalla MotoGP.

In un’intervista a MCN il Dottore chiarisce di voler mettere su famiglia e avere almeno un figlio. “Voglio una famiglia, voglio almeno un figlio. Voglio continuare a gareggiare dopo, ma con le auto. Abbiamo già pensato a cosa potrei fare e ci sono alcune idee interessanti perché voglio continuare ad essere un pilota. Non allo stesso livello e sforzo, perché la vita a questo livello è molto stressante, ma non voglio fermarmi. Voglio guidare con le auto, ma più sulla pista che sul rally, perché sarebbe troppo difficile raggiungere un buon livello lì. L’autodromo è il mio habitat naturale”.

Il Dottore tra futuro e presente

Arrivato alla sua 24esima stagione, è difficile immaginare un Mondiale senza Valentino Rossi. A perderci sarà sicuramente la MotoGP e Dorna, considerando l’interesse che il pesarese ha saputo calamitare intorno a questo sport. Gli organizzatori già stanno pensando a possibili vie di uscita per arginare la fuoriuscita di fan. Tanto che Carmelo Ezpeleta sta spingendo per un team del Dottore in classe regina. “Se mi fermo, nulla cambierà, la MotoGP rimarrà la MotoGP, ma sono felice che il campionato sarà più conosciuto grazie a me. Forse Ezpeleta deve darmi dei soldi per questo”, ha scherzato il nove volte campione del mondo.

Ma ci sono ancora due stagioni in sella alla Yamaha e l’obiettivo resta vincere il decimo titolo iridato. “So che sarà molto difficile. L’importante ora è essere più forti degli ultimi due anni, cercare di salire sul podio ogni fine settimana e lottare per vincere le gare. Sarà difficile ottenere il titolo, ma come sempre sarà il mio obiettivo. Se la moto è buona come il 2015, non c’è motivo per cui non possiamo farlo”.