Charles Leclerc (©Getty Images)

F1 | Ralf Schumacher: “Leclerc sa che farà il secondo di Vettel”

Lo si sente parlare raramente di quello che per un po’ di anni è stato il suo mondo, oscurato dall’ingombrante presenza negli stessi anni del suo fratellone Michael, ma in occasione del primo round della stagione 2019 di F1 lo ha fatto. Ralf Schumacher ha commentato un paio di episodi accaduti nel primo weekend di gara agli Antipodi che ha premiato la Mercedes di Valtteri Bottas.

Nello specifico, il tedesco si è concentro sul tanto discusso ordine del muretto Ferrari che di fatto ha congelato le posizioni consentendo a Vettel di arrivare davanti a Leclerc, nonostante il monegasco fosse più veloce.

Per tutte le notizie di F1, MotoGP e WRC CLICCA QUI

E’ evidente che fare da spalla parte dell’accordo che ha stipulato. Quando Charles ha firmato sapeva a cosa andava incontro e per questo non se ne lamenterà. In fin dei conti non avrebbe potuto raggiungere nessuno di quelli davanti, dunque la decisione presa dal muretto è stata giusta. Inoltre è giovane. Anche se ha talento deve ancora imparare e commettere errori“, ha sentenziato il 43enne a Formel1.de. “Dovessi scommettere dei soldi su qualcuno del Cavallino li punterei su Seb sebbene la stampa gli sia un po’ contro. Mettere in chiaro da subito le gerarchie è estremamente importante. Lo scorso anno la Scuderia non è stata in grado di farlo a differenza della scuderia di Stoccarda. Il pilota di punta deve sentire di essere sostenuto dal suo gruppo”.

Il Schumi minore ha poi aperto il capitolo Williams, equipe per cui ha corso dal 1999 al 2004, che al momento sta vivendo una fase di bassa clamorosa.

In quel team non sono capaci di tirare fuori il meglio dai loro dipendenti. Non c’è coesione“, ha denunciato. “Gli ingegneri lavorano non in sinergia, bensì uno contro l’altro. E’ evidente che Claire sta proseguendo sulla scia del padre e forse non è la mansione che dovrebbe svolgere. Secondo me potrebbe esserci la necessità di una ristrutturazione della gestione“, ha chiosato severo.

Chiara Rainis