Nico Rosberg: “Bottas può vincere il mondiale 2019”

0
112
Valtteri Bottas (©Getty Images)

F1 | Rosberg: “Bottas può vincere il mondiale 2019”

Il livello di performance mostrato da Valtteri Bottas in Australia ha convinto se non tutti molti. Tra questi anche il campione 2016 Nico Rosberg. Impressionato dall’aggressività e dagli scarsi timori reverenziali palesati dal finlandese, che alla prima occasione di rivincita vera, ha tirato fuori gli artigli e pigiato forte sul pedale destro cacciandosi alle spalle, di ben 20″, il blasonato collega di marca Lewis Hamilton, il tedesco lo ha direttamente inserito nei papabili all’iride di quest’anno.

Penso che abbia tutte le carte per vincere la coppa finale“, ha sostenuto il figlio di Keke ad Auto Bild. “A mio avviso è in modalità combattiva. L’aspetto mentale non va sottovalutato in F1. Lo abbiamo visto anche lo scorso anno con Sebastian Vettel“, ha proseguito ricordando i tanti momenti di balckout vissuti dal ferrarista, che di fatto hanno contribuito all’ennesimo ko del Cavallino nel diretto confronto con la Mercedes.

Per tutte le notizie di F1, MotoGP e WRC CLICCA QUI

Secondo il 33enne, esempio chiaro e semplice della forza attuale del driver di Nastola, è stato proprio il modo in cui ha bruciato Ham al semaforo, ma non solo. Il nuovo direttore di gara Michael Masi avrebbe dato il via prima di quanto era solito fare il compianto Charlie Whiting.

Credo che a Melbourne abbiamo vissuto il più rapido spegnimento dei semafori da molto tempo a questa parte. Diversi piloti saranno rimasti sorpresi. Questa tra l’altro è una delle debolezze di Lewis. Come facevo io e a differenza di Hamilton, Valtteri ha fatto parecchia pratica con la frizione“, ha portato alla luce il tedesco cresciuto a Monaco.

Il problema è che l’inglese continua ad essere competitivo in qualifica, ma sono sicuro che assisteremo ad un vero duello. Se saprà tenere una mentalità positiva, Bottas potrà laurearsi campione perché il suo compagno accusa a tratti delle fasi di debolezza“, ha concluso con un consiglio.

Chiara Rainis