Alvaro Bautista Jonathan Rea Superbike 2019
Alvaro Bautista e Jonathan Rea (©Getty Images)

Primi turni di Prove Libere Superbike in Thailandia ancora all’insegna di Alvaro Bautista. Il dominatore del GP inaugurale in Australia si è messo davanti a tutti anche in FP1 e FP2 a Buriram oggi.

La Ducati Panigale V4 R si sta confermando velocissima anche sulla pista del Chang International Circuit. Lo spagnolo ha chiuso con il miglior tempo di 1’32″971, staccando di quasi tre decimi il campione in carica Jonathan Rea. Il pilota Kawasaki vorrebbe prendersi la rivincita dopo la tripla sconfitta di Phillip Island, ma Bautista anche in Thailandia si sta confermando su altissimi livelli.

Sorprendente terza posizione per il rookie Sandro Cortese con la Yamaha del team GRT, quasi mezzo secondo dal leader. Il campione del mondo Supersport 2018 precede i colleghi di marca Alex Lowes, Michael van der Mark e Marco Melandri. Settimo Leon Haslam con l’altra Kawasaki ufficiale, incassa oltre otto decimi da Bautista. La seconda migliore Ducati è quella Eugene Laverty (team Go Eleven), mentre Chaz Davies conferma le sue difficoltà ed è solo undicesimo. Meglio del gallese anche Leon Camier (Honda) e Tom Sykes (BMW). Quattordicesima piazza per Michael Rinaldi con la Panigale V4 R del team Barni, Alessandro Delbianco ultimo con la Honda della squadra Althea MIE.

Superbike, Thailandia 2019: tempi ufficiali e classifica combinata FP1-FP2

superbike fp1 fp2 thailandia

Matteo Bellan