Lala Kamara
Lala Kamara, la ragazza 26enne assassinata a Manchester (foto dal web)

Lala Kamara, una ragazza italiana di origini senegalesi, è stata ritrovata morta a Manchester. La polizia inglese, avrebbe già individuato i presunti responsabili dell’omicidio.

Una ragazza italiana di 26 anni è stata uccisa a Manchester nella notte tra sabato e domenica. La vittima è Lala Kamara, di origini senegalesi ma cittadina italiana e cresciuta a Calcinato (Brescia) che si era trasferita nella città inglese  tre anni fa per lavorare come infermiera. Secondo quanto riportato dalla redazione de Il Giornale di Brescia, le forze dell’ordine britanniche hanno già individuato i presunti responsabili, due ragazzi di 21 e 25 anni di cui non sono state diffuse le generalità. Il padre di Lala, residente a Calcinato è già volato in Inghilterra.

Fermati i due presunti responsabili del delitto

Avrebbe dovuto iniziare il suo nuovo lavoro da infermiera ieri, Lala Kamara, la ragazza italiana uccisa a Manchester nella notte di sabato scorso. La ragazza che aveva compiuto 26 anni il mese scorso, nata in Senegal, ma cittadina italiana e cresciuta a Calcinato, un comune in provincia di Brescia, si era trasferita in Inghilterra per lavorare come infermiera. Lala dopo aver frequentato il liceo a Desenzano è volata in Inghilterra, a Londra dove aveva iniziato a  lavorare come baby sitter, successivamente si era trasferita a Manchester, dove aveva vinto un concorso come infermiera per un istituto, nel quale avrebbe preso servizio lunedì, ma sabato è stata assassinata. Il corpo senza vita della 26enne è stato ritrovato da un amico, che ha subito lanciato l’allarme, nella casa dove viveva la ragazza. Secondo quanto riportato dalla redazione de Il Giornale di Brescia, la polizia inglese avrebbe già individuato i due responsabili che stando alle prime indicazioni si trovavano nell’appartamento di Denton Court quando si è verificato il delitto. I due, di cui non sono state diffuse le generalità, sarebbero due ragazzi senegalesi di 21 e 25 anni. Il padre di Lala dopo aver appreso la notizia si è subito recato in Inghilterra affermando prima di imbarcarsi sul volo: “Oggi saprò qualcosa sulla morte di mia figlia“.

Leggi anche —> Malato di un tumore “inoperabile” si salva grazie alla moglie