MotoGP Qatar
Getty Images

MotoGP, Dorna privilegia le TV: respinta la richiesta dei piloti

Dopo un tira e molla a distanza tra piloti e Dorna l’orario del Gran Premio del Qatar non cambierà, salvo improbabili ripensamenti dell’ultima ora. La gara di Losail conserverà il suo effetto “romantico” notturno e prenderà il via alle ore 20:00 (le 18:00 in Italia). Il primo a chiedere pubblicamente di anticipare la partenza fu Jorge Lorenzo al termine dei test invernali a Losail, dopo che diversi piloti finirono sull’asfalto a causa delle basse temperatura e dell’elevata umidità.

Per restare aggiornato sul Gran Premio del Qatar LEGGI QUI

Nella conferenza stampa del giovedì anche gli altri piloti si erano allineati alla sua richiesta, dato che le esperienze dei test pre-stagionali li avevano lasciati preoccupati per le condizioni della pista in tarda serata. A nulla è servito la promessa di portare l’argomento in riunione della Safety Commission di venerdì. Del resto le condizioni meteo sono migliorate e la seconda sessione di prove libere del venerdì è iniziata alle 20:05 dopo un piccolo ritardo e ha visto pochi drammi, con Franco Morbidelli unico rider che ha subito un incidente veloce alla curva 1, mentre Marc Marquez ha segnato il giro più veloce di sempre sul circuito.

Parlando prima della Safety Commission, il pilota della LCR Honda, Cal Crutchlow, ha dichiarato che le condizioni erano “perfette” nella FP2, ma ha sottolineato che le piogge leggere durante il weekend potrebbero causare la formazione di rugiada – il che porterebbe a un’umidità più elevata mentre le temperature della pista diminuivano. A far propendere per il mantenimento dell’orario prestabilito gli impegni televisivi esistenti. Dorna ha assicurato ai piloti che esplorerà la possibilità di tornare a correre alle 19:00 l’anno prossimo. In questo modo avremo un Gran Premio al tramonto piuttosto che in notturna. Forse sarà ancora più romantico…