Marc Marquez: “Sono quasi al 100%, voglio cadere di meno”

Lo spagnolo vuole partire forte

0
103
Marc Marquez (Getty Images)

MotoGP | Marc Marquez: “Sono quasi al 100%, voglio cadere di meno”

Marc Marquez è già carichissimo in vista della stagione che è alle porte. Il rider spagnolo vuole subito dimostrare di essere ancora lui il miglior pilota della MotoGP anche per stabilire delle chiare gerarchie in casa Honda con l’ingombrante compagno di team Jorge Lorenzo.

Durante la conferenza stampa che anticipa questo primo weekend dell’anno Marc Marquez ha così affermato: “Per me è bello ricominciare. Sono contento, ho già dimenticato il mio problema alla spalla e sono semplicemente concentrato sul weekend di gara. Sono vicino al 100% e questa è una notizia positiva per noi. Il pre-campionato è stato strano, ma abbiamo cercato di preparare la moto nel migliore dei modi”.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti su Marc Marquez CLICCA QUI

Marquez rispetta tutti, ma non teme nessuno

Lo spagnolo ha poi continuato: “Io ho sempre guardato tutti gli avversari allo stesso modo, ad esempio nel 2017 eravamo qui e nessuno o comunque non molti parlavano di Dovizioso, eppure è stato alla fine l’avversario da battere. Ducati, Yamaha e Suzuki sono migliorate. Vedremo come comincerà la stagione. Sicuramente in questa gara saranno tutti veloci, ma la stagione è lunga e noi dobbiamo concentrarci su noi stessi”.

Marc Marquez ha affrontato la questione troppe cadute: “Voglio cadere di meno, però come ho già detto se c’è bisogno di cadere per diventare campione del mondo non è un problema. So quando ho bisogno di spingere. Siamo migliorati nella velocità di punta, ma quando migliori in alcune aree, poi peggiori in altre, quindi stiamo cercando di migliorare il tutto”.

Il rider della HRC ha poi definito così la MotoGP: “Per me è come uno stile di vita, è piena di passione, è lo spettacolo più bello di tutto il motorsport. Ho guidato per due giorni con Fernando Alonso ed è stato divertente. In futuro mi piacerebbe farlo di nuovo perché no”.

Antonio Russo