Continua la rivoluzione in Ferrari: salta un’altra testa

0
1137
Ferrari (©Getty Images)
F1 | Continua la rivoluzione in Ferrari: salta un’altra testa
Lo abbiamo visto per anni, 11 per la precisione, gestire il rapporto tra media e Ferrari soprattutto per quanto riguardava i presidenti, prima Luca di Montezemolo, poi Sergio Marchionne, quindi John Elkann.  Stefano Lai chiuderà la sua lunga esperienza in rosso a fine mese, per lasciare, a partire dall’1 aprile, il posto di Chief Communication Officer  a Jane Reeve.
Secondo quanto riferito dal sito Engage.it la donna, proveniente da un’agenzia di pubblicità, ovvero la J. Walter Thompson Group Italia, è stata chiamata direttamente da Louis Camilleri.
Nel suo periodo al Cavallino, Lai si è dedicato a diversi incarichi tra cui responsabile del magazine ufficiale del marchio, nonché membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Casa Natale di Enzo Ferrari – Museo. A quanto pare il divorzio è stato improvviso visto che era stato appena definito il suo passaggio al vertice della Scuderia Ferrari Club.

Dopo una prima fase di conoscenza e osservazione dell’ambiente di Maranello, il nuovo CEO sta ora dettando una linea discontinua rispetto al passato. Prima c’è stata l’uscita del team principal Maurizio Arrivabene a cui è stato preferito il direttore tecnico Mattia Binotto, poi l’allontanamento di Alberto Antonini, capo addetto stampa al seguito dei GP, seguito dall’ingresso di Bernd Fisa, nome noto in Scuderia avendoci lavorato tempo addietro, di Davide Marchi e soprattutto di Silvia Hoffer, per un ventennio legata alla McLaren e già in azione durante i test invernali di Barcellona.

Il compito di Loius Camilleri – Il maltese, fino a poche settimane fa abbastanza anonimo, ha ottenuto il pieno endorsement da parte del Presidente Elkann, di conseguenza non sarà tenuto a passare da lui per qualsiasi decisione. E’ evidente che adesso, dopo aver rispettato quanto definito da Marchionne prima della prematura scomparsa, abbia cominciato a dare il suo imprinting alla squadra.

Chiara Rainis