(©Lewis Hamilton Twitter)

F1 | Hamilton polemizza sulle Pirelli. Isola risponde

Il suo pensiero sulle nuove “scarpe” portate dalla Pirelli lo ha fatto esprimere prima al suo cane con un post pubblicato sulla sua pagina Twitter, in cui in fin dei conti rivelava il disappunto per la scelta della Pirelli.

Concorda che sono un po’ troppo dure da mordere“, il breve messaggio del 5 volte iridato.

Chiamato a fornire una spiegazione sul video che ha fatto il giro del web, il pilota Mercedes ha spiegato:

A Roscoe non piacevano. Diciamo che abbiamo la stessa opinione“, ha dichiarato come riporta F1i.com. “Lo scorso anno abbiamo avuto coperture che andavano bene, soprattutto quella col battistrada ribassato utilizzata al Montmelo, in Francia e a Silverstone, ma in questo caso non ho sentito lo stesso feeling, hanno cambiato qualcosa. Personalmente credo che ci dovremo anche abituare ai nomi delle mescole, C5, C4, C3, C2 e C1. Io sono ancora un po’ confuso. Forse aver girato con più benzina non mi ha aiutato ad avere una buona sensazione”.

Raggiunto da questo commento tranchant il responsabile F1 del fornitore unico della F1 Mario Isola si è proclamato sorpreso dell’appunto del britannico in quanto poco o nulla è cambiato dallo scorso campionato.

Ne dovrò parlare con Ham per capire meglio la ragione che lo ha portato a contestare le nostre nuove gomme“, ha riferito ad F1i.com. “Non riesco bene a comprendere se trova qualcosa di strano nelle C1,C2, o C5, che sono inedite, ma per quanto riguarda le C3 e le C4, largamente utilizzate durante le sessioni di test a Barcellona, non dovrebbe esserci nulla di particolare visto che sono esattamente le soft e le ultrasoft del 2018“, ha concluso il tecnico perplesso.

In realtà di una cosa noi profani possiamo da subito dare ragione al pilota di Stevenage, il grande caos delle denominazioni che non potrà che rendere più complessa la lettura delle gare

Chiara Rainis