Bagnaia Pecco
Francesco ‘Pecco’ Bagnaia (©Getty Images)

MotoGP 2019, Bagnaia pronto per il suo debutto nella top class del Motomondiale.

Dopo aver vinto il titolo Moto2 nel 2018, Francesco Bagnaia è carico per l’esordio ufficiale in MotoGP. Nel weekend in arrivo correrà la sua prima gara nella categoria regina del Motomondiale.

Pecco sarà tra i piloti più osservati nel fine settimana in Qatar. Anche se è un rookie e deve dunque imparare tanto, ci sono buone aspettative nei suoi confronti già per il 2019. Ciò perché è un grande talento e perché guida una moto competitiva come la Ducati Desmosedici GP18 in un team ormai esperto come quello Pramac. Ci sono tutti gli ingredienti per fare un’ottima stagione.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di MotoGP, Superbike e F1 CLICCA QUI

MotoGP 2019, Bagnaia vuole fare un grande campionato

Bagnaia è stato intervistato dal quotidiano La Repubblica e ha parlato del prossimo Mondiale MotoGP, senza tuttavia sbilanciarsi troppo. Difficile dire con certezza i valori in pista, ci sono più piloti forti: «C’è grande equilibrio – spiega -, anche se il Dream Team è quello della Honda, con Marquez campione in carica e Lorenzo. Però sono tutti e due reduci da infortuni, impossibile giudicarli in questo momento. Mi ha molto colpito Viñales, con la Yamaha: è stato il più competitivo nei test, il solo cui sono riuscito ad andare dietro in Malesia. È eccezionale, per come gira la moto e la rialza in fretta».

Pecco conosce molto bene Valentino Rossi, il suo maestro nella VR46 Riders Academy. Dal 2019 ci correrà contro in MotoGP e sarà sicuramente qualcosa di speciale. Il giovane pilota torinese ha grande stima del Dottore: «Resta un pilota straordinario, uno dei favoriti. Mi sono sempre ispirato a lui e continuo a farlo, ho la fortuna di potermi allenare al suo fianco a Tavullia: è uno stimolo, un esempio. Nessuno ha la sua voglia di fare sacrifici e migliorare, di divertirsi e provare a vincere. Ed è in gran forma, ve ne accorgerete presto».

Anche se il suo modello è Rossi, lo stile di guida di Bagnaia assomiglia parecchio a quello di Jorge Lorenzo. Infatti in Ducati hanno scoperto che i dati telemetrici suoi e quelli dello spagnolo sono simili. In ottica 2019 il rider del team Alma Pramac punta ad essere il migliore debuttante della MotoGP e mantiene un profilo basso: «Per ora l’obiettivo è imparare. Ed essere il migliore dei ‘rookies’, restando sempre nei primi 10. Io e Morbidelli eredi di Rossi? Valentino è irraggiungibile. Non esistono eredi. Però anche noi potremmo regalare delle belle soddisfazioni agli appassionati italiani».

 

Matteo Bellan