F1 | Test Barcellona 2: Stop in pista per la Ferrari di Leclerc

Con il suo 1’16″231 segnato al mattino con gomme C5 Charles Leclerc è rimasto al vertice della classifica della penultima giornata di test al Montmelo. Ciò nonostante per il monegasco non sono mancati gli imprevisti. Mentre stava effettuando dei long run e aveva ormai raggiunto quota 138 giri completati, il pilota Ferrari è rimasto fermo alla curva 9 per un probabile guasto meccanico che di fatto lo ha mandato alla doccia in anticipo.

Alle sue spalle si è confermato Alexander Albon su Toro Rosso con un 1’16″882, seguito da Lando Norris con un 1’17″084. L’inglese della McLaren, come il ferrarista, ha lavorato sulla distanza girando in prevalenza con le dure C2. Per lui anche qualche simulazione di procedure pre-schieramento in griglia.

Quarto posto per la Red Bull di Pierre Gasly con un 1’17″091. Il francese ha fatto sventolare la prima bandiera rossa del pomeriggio per un’uscita sulla ghiaia sempre alla curva 9 che lo ha bloccato nel lavoro.

Quinto Daniel Ricciardo con un 1’17″204 firmato ovviamente questo pomeriggio con le C4 dopo aver provato a lungo le medie. Sesto il compagno di Renault Nico Hulkenberg con un 1’17″496, poi Lance Stroll, con un 1’17″556 pure lui ko tra la curva 9 e la 10 con la sua Racing Point.

Ottavo con 71 tornate completate Antonio Giovinazzi su Alfa Romeo con un 1’17″639, a precedere Romain Grosjean. Il ginevrino è stato a lungo ai box per un guasto alla scarico della sua Haas e ha potuto prendere la pista soltanto nelle battute finali della sessione portando a termine 16 giri con miglior tempo un 1’17″854

Decimo posto per Lewis Hamilton, attivo al mattino, con un 1’18″097, quindi George Russell, con un 1’18″130, stacanovista di giornata con 140 giri. L’inglese ha spremuto la sua Williams lavorando anche sull’aerodinamica con dello flo viz sulla fiancata sinistra.

Dodicesimo il danese della Haas Kevin Magnussen con un 1’18″199. Chiude il gruppo Valtteri Bottas con un 1’18″862. Il finnico della Mercedes ha effettuato una simulazione di gara montando in prevalenza le medie e coprendo ben 97 giri.

Chiara Rainis