F1 | Test Barcellona 2: Leclerc riporta la Ferrari al vertice

Dopo aver lavorato con tutte le gomme a disposizione, ossia le C2, le C3 e le C4, Charles Leclerc, entrato in pista poco dopo le 9.30 ha piazzato un 1’16″231 da prima posizione con le C5. Il pilota Ferrari, che per recuperare il tempo perso mercoledì pomeriggio sarà attivo per tutta la giornata, si è dedicato primariamente alla distanza, verificando tuttavia anche il comportamento del fondo vettura rivisto e dipinto con il flo viz.

Alle sue spalle con un 1’16″882 la Toro Rosso di Alexander Albon, focalizzato soprattutto sui due compound più soffici. L’inglese è stato tra i più presenti sul tracciato con 75 giri coperti. Terzo posto a conferma, se non altro, della costanza della McLaren Lando Norris con un 1’17″084. Quarto Pierre Gasly con la Red Bull e il tempo di 1’17″091.Il francese ha girato perlopiù con le C3. Dietro di lui la Renault di Nico Hulkenberg. Il tedesco, autore di un 1’17″496, dopo il lavoro sulla distanza di ieri, si è invece dedicato ad una serie di short run con le C4 e le C5 completando ben 73 tornate.

Sesto posto per la Racing Point di Lance Stroll come nei giorni scorsi e come il collega di box Sergio Perez, poco attivo. Il canadese ha segnato un 1’17″556 rivelandosi leggermente più rapido di Antonio Giovinazzi. Il pugliese dell’Alfa Romeo ha firmato un 1’17″639 con 49 giri percorsi in particolare con mescole medie.

Soltanto ottavo Lewis Hamilton, vittima di un’innocua escursione nella via di fuga quando stava girando con la C2.  Il britannico della Mercedes, autore di un 1’18″097 ha provato anche le C3, si è rivelato lo stacanovista della sessione con 85 giri alla bandiera a scacchi.

1’18″130 per la Williams di George Russell, impegnato in diversi test aerodinamici, quindi a chiudere il gruppo Kevin Magnussen con la Haas fermo sull’1’18″199. Il focus del danese è stato soprattutto sull’accumulo di chilometri montando coperture C3.