Dani Pedrosa in KTM
photo Twitter

Dani Pedrosa ha firmato per la Red Bull KTM come pilota collaudatore MotoGP dopo 18 anni in sella alla Honda. Ieri ha fatto visita allo stabilimento a Munderfing, dopo l’intervento chirurgico alla clavicola destra che lo ha costretto a saltare i test in Malesia e Qatar.

Il 33enne Dani Pedrosa ha rifiutato l’offerta del nuovo team Petronas Yamaha nella scorsa estate e ha respinto tutte le offerte del Campionato Mondiale Superbike, dopo essere stato sostituito dopo 13 anni con la RC213V da Jorge Lorenzo. Ha preferito passare al servizio della casa austriaca KTM, anche per via della sua amicizia con il Team Manager MIke Leitner, suo capo equipaggio prima che l’austriaco alla fine del 2014 passasse in KTM.

Dani Pedrosa ha già testato la RC16 il 18-19 dicembre scorso, sul circuito di Jerez. Ma a causa di una frattura alla clavicola ha dovuto annullare i test a Sepang e Doha. Da allora ha subito un intervento chirurgico e si tiene aggiornato quasi ogni giorno con gli eventi di KTM. Allo stesso tempo, ha iniziato da tempo con l’allenamento di potenziamento, ma non può ancora caricare la spalla destra.

“È un peccato che Dani non abbia potuto provare quest’anno. Ha una conoscenza straordinaria della sua era Honda. Porterà il nostro progetto ad un nuovo livello “, ha affermato Pol Espargaró, che era nella top ten per tre giorni in Qatar. Mike Leitner si aspetta che Dani Pedrosa collaudi nuovamente per KTM in aprile o maggio.

Pedrosa ha ieri visitato la sede della Red Bull in Fuschl e poi chiacchierato a Munderfing con i tecnici KTM. Pol Espargarò, Bradley Smith, Johann Zarco e Miguel Oliveira sono tutti ex piloti Yamaha. Il feedback di un ex pilota Honda si rivelerà quindi molto importante per la casa di Mattighofen.