Test F1 Barcellona 2, Vettel sbatte. Sainz al comando

0
110
Carlos Sainz (©F1 Twitter)

F1 | Test Barcellona 2, Vettel sbatte. Sainz al comando

Pur avendo fatto sventolare la bandiera rossa dopo essere rimasto fermo sul rettilineo principale, Carlos Sainz ha portato la sua McLaren in testa al gruppo con un tempo di 1’17″144 firmato su C4, confermando la prestazione di martedì sera del team-mate Lando Norris.

Dietro di lui con un 1’18″195 Sebastian Vettel. Il ferrarista, che ancora una volta ha lavorato con la C3 e si è focalizzato sull’aerodinamica, è stato vittima di un guasto tecnico che lo ha fatto uscire a circa 240 km/h alla curva 3 quando mancavano due ore alla bandiera a scacchi e il suo ruolino personale contava 40 giri. Per la SF90 qualche danno alla parte anteriore sinistra.

Via Twitter la scuderia ha fatto sapere che per qualche ora non potrà girare. E possibile dunque che il pomeriggio sia compromesso.

Terzo Max Verstappen con la Red Bull e un crono di 1’18″395. Come i due colleghi di cui sopra, l’olandese è rimasto bloccato per noie tecniche. In questo caso appena fuori dalla pit lane, ma ha comunque potuto completare 69 tornate.

Più presente di tutti, però, sul tracciato è stati Valtteri Bottas. Il finnico, costretto al box per buona parte della giornata di ieri a causa di una perdita d’olio sulla sua W10, questa mattina ha sfiorato quota 75 con un tempo di 1’18″941 dopo aver lavorato sulle novità aerodinamiche portate per l’occasione.

Quinto Daniil Kvyat impegnato pure lui con le griglie sulla sua Toro Rosso.Il russo ha segnato un 1’19″060 migliore dell’1’19″194 di Kimi Raikkonen. Il pilota Alfa Romeo ha coperto 43 tornate contro le 29 della Racing Point di Sergio Perez, ancora una volta poco attivo probabilmente per nuovi intoppi alla sua vettura.

Ottavi Robert Kubica. Il polacco della Williams, come i colleghi si è dedicato all’aerodinamica con un 1’19″367 tutto sommato incoraggiante.

Nono Romain Grosjean, con un 1’19″717 con la Haas. A chiusuere il gruppo la Renault mdi Daniel Ricciardo con un 1’22″597, poco interessato al riscontro cronometrico quanto alla simulazione di gara.

Chiara Rainis