Cal Crutchlow
Getty Images

MotoGP, Cal Crutchlow: “Non siamo pronti per la prima gara”

Cal Crutchlow ha dichiarato di non essere troppo preoccupato per la classifica finale al test finale di MotoGP del 2019, ma ha ammesso che “un sacco di lavoro” rimane da fare se desidera essere competitivo nel weekend di gara. L’inglese ha affrontato un certo numero di problemi nei tre giorni, dato che ha continuato a recuperare terreno dopo aver saltato i due test lo scorso novembre, grazie al grave infortunio alla caviglia destra rimediato nelle FP2 a Phillip Island.

Oltre a testare un certo numero di aggiornamenti per HRC in Qatar, Crutchlow ha combattuto la mancanza di feeling frontale nei tre giorni, una sensazione che deve ancora migliorare a poco più di una settimana di distanza dal GP del Qatar. Lunedì, in condizioni difficili, ha apportato una serie di modifiche al set-up e un incidente all’ultima curva hanno limitato il 33enne, che ha chiuso con un distacco di 1,039″ dal miglior tempo di Maverick Viñales. “Una giornata difficile, ma mi sento molto meglio del risultato sulla carta”, ha detto Crutchlow lunedì. “Abbiamo usato un set di gomme nuove tutto il giorno. Ho iniziato con le gomme usate e ho inserito un nuovo setting, quindi non ho usato le gomme morbide. Perciò non sono preoccupato per i tempi sul giro. Avrei lavorato di più con la moto, ma eravamo limitati perché oggi avevo solo una moto”.

Resta molto da fare sulla RC213V del pilota britannico, che chiede aggiustamenti all’anteriore, quello che è sempre stato il punto di forza della Honda. “Credo che Marc sia un po’ più in forma di noi, ma ha avuto due moto con cui lavorare in questi tre giorni. Non ero a Jerez e ancora non mi sento molto bene con la parte anteriore della moto. Sono lontano da quello che sono stato qui l’anno scorso, ma mi sento molto più fiducioso del risultato… Mi sentivo meglio in Malesia che qui… In questo momento ci sono diversi piloti con un ritmo migliore di noi. Quando sono arrivato a questa gara l’anno scorso ho avuto un buon ritmo. Ma non sono preoccupato, questo è sicuro”.