MotoGP, Andrea Iannone: “Adesso prendiamo le decisioni giuste”

0
194
Andrea Iannone in Qatar
Andrea Iannone in Qatar

MotoGP, Andrea Iannone: “Adesso prendiamo le decisioni giuste”

La seconda giornata di test MotoGP in Qatar, ha visto le Aprilia RS-GP migliorarsi piuttosto nettamente rispetto al giorno precedente e ha permesso ad Aleix Espargaró e Andrea Iannone e ai loro team di portare avanti il programma di lavoro sulla moto 2019.. Per entrambi i piloti dell’Aprilia Racing Team Gresini la giornata è stata focalizzata sulla messa a punto della ciclistica e la ricerca del miglior feeling sul passo gara.

Un programma intenso che non ha impedito anche il test di una nuova soluzione aerodinamica, portata in pista da Andrea. Al lavoro anche il collaudatore Bradley Smith, che ha provato anche diverse configurazioni di ali e lavorando a soluzioni di set-up sulla elettronica che saranno messe a disposizione dei due piloti titolari.

Andrea Iannone avanti tutta!

Per Andrea Iannone 35 giri col miglior crono di 1’55.698, quasi 8 decimi meglio di quanto fatto sabato. Oggi si torna in pista per l’ultimo giorno di test precampionato. “La nostra priorità adesso è conoscere la moto, continuare a lavorare, migliorare passo dopo passo. Rispetto a ieri abbiamo già migliorato, questo è importante. Ma dobbiamo ancora spingere al massimo e prendere le decisioni giuste, soprattutto nel set-up”, ha dichiarato Andrea Iannone domenica sera.

Con un gap di 1.105 secondi, il debuttante Aprilia in Qatar si è classificato al 16  posto. “Certo, c’è sempre qualcosa che non porta i risultati sperati, ma sono più informazioni che ci aiutano a migliorare. Come ho detto ieri, abbiamo un buon potenziale e il nostro compito è ora quello di portare la costante per tutta la durata di gara, per avere dall’inizio alla fine un buon passo”, ha sottolineato Andrea Iannone. “Fare un round è più facile che essere vicino al migliore per 22 giri. Questo deve essere l’obiettivo… La moto fa una grande differenza oggi in MotoGP. Con l’elettronica e questi pneumatici con i quali è più facile guidare rispetto a quelli che abbiamo avuto in passato. Ecco perché siamo tutti più vicini”.