Chiara Ferragni, che accuse dagli animalisti: “Sei una assassina” – FOTO

0
486
chiara ferragni animalisti
La borsa da 25mila euro di Chiara Ferragni scatena gli animalisti.(websource/archivio)

Una foto con una borsa in pelle di coccodrillo arancione dall’astronomico prezzo di 25mila euro scatena il web. Non per il lusso ostentato ma per altro.

Altre grane da affrontare per Chiara Ferragni. Come se non bastassero le critiche rivolte lei contro da parte degli immancabili haters su Instagram, stavolta c’è da affrontare la rabbia degli animalisti. La moglie di Fedez è stata incolpata infatti di alimentare l’industria della moda che poggia sull’uccisione di esseri innocenti per la realizzazione di accessori e capi di abbigliamento. Pomo della discordia è stata una borsetta Birkin di Hermès in coccodrillo arancione, dal sontuoso prezzo di ben 25mila euro. Un qualcosa di decisamente fuori portata per noi comuni mortali. Ma che si contraddistingue non solo per l’elevato costo. Infatti sono stati ammazzati dei rettili per realizzare quello ed altri oggetti. E questa cosa non è andata giù a molti che difendono i diritti degli animali. L’associazione Aidaa in particolare ha pubblicamente reso noto un comunicato nel quale si rivolge in maniera diretta a Chiara Ferragni.

LEGGI ANCHE – Ferragni, il post che attira gli insulti: “La faccia di chi non fa un c****” – FOTO

Chiara Ferragni, gli animalisti insorgono: “Ha le mani sporche di sangue”

“Molto probabilmente la signora Ferragni non ignora quale massacro ci sia dietro la borsa di coccodrillo da lei presentata nei giorni scorsi”, facendo anche riferimento a come la 31enne fashion blogger di Cremona stia vivendo la settimana della Moda di Milano senza curarsi minimamente di tale problematica. Parliamo di esseri rinchiusi in gabbie, seviziati e torturati a lungo prima di essere ammazzati. Il più delle volte vengono sgozzati con l’utilizzo di taglierini o coltelli, allo scopo di incidere il meno possibile le pelli. E spesso si tratta di cuccioli o di esemplari molto giovani, il cui tessuto è più pregiato. Aidaa sottolinea poi: “Avviene tutto sempre per lo stesso motivo: soldi per il sangue degli animali”. Infine è giunto un invito da parte dell’associazione animalista a togliere il like a Chiara Ferragni su tutti i suoi canali social ed a ricordarle costantemente cosa ci sia dietro alla produzione di borse, cinturini per orologi e simili. “C’è gente che acquista questi prodotti. E la signora Chiara Ferragni è la loro testimonial perfetta, con le mani sporche del sangue di milioni di animali innocenti”.

LEGGI ANCHE –> Laura Cremaschi, aggressione al ristorante dalla moglie di Facchinetti – VIDEO