Valentino Rossi a Losail
Valentino Rossi a Losail (foto ufficio stampa)

MotoGP Test Sepang, Valentino Rossi: “Serve un anno per raggiungere Honda e Ducati”

Maverick Vinales chiude al comando la prima giornata di test, ma una rondine non fa primavere. Se lo spagnolo sembra fiducioso in vista della stagione imminente, Valentino Rossi sente di non poter dormire sonni tranquilli. Il gap da Honda e Ducati non è colmabile in un solo inverno, anche se il team Monster Yamaha adesso sembra viaggiare in un’unica direzione.

Per restare aggiornato sui Test MotoGP IRTA LEGGI QUI

Il campione di Tavullia chiude al quinto posto con mezzo secondo di ritardo dal suo compagno di scuderia, ancora in difficoltà con il grip e con un posteriore ancora ballerino. “La sensazione non è molto diversa da quella di Sepang quando avevo 39 anni. Sfortunatamente non è migliorato. Il mio desiderio segreto era che sarei stato ancora più veloce a 40 anni. Ma questo desiderio purtroppo non è stato realizzato… Scherzi a parte. Questo primo giorno di test è andato abbastanza bene, abbiamo fatto un buon lavoro. Il quinto posto è impressionante. Non è male per il primo giorno. Abbiamo altre priorità qui rispetto alla Malesia, ci stiamo preparando per il Gran Premio tra due settimane”.

Non si è mai sentito davvero veloce, tranne nel momento cruciale, quando ha montato la gomma morbida al posteriore alla ricerca di un time attack nelle fasi finali. Nella prima giornata di test il Dottore ha messo a segno 47 giri: “Abbiamo da lavorare tanto, qua è importante il grip dietro e la moto si muove troppo. Nel 2017 e 2018 abbiamo accumulato molto svantaggio. Abbiamo recuperato qualcosa questo inverno – ha detto ai microfoni di Sky Sport -, sono cambiate un po’ di persone, è cambiato l’approccio di Yamaha, li vedo molto concentrati. Ma il gap non si può colmare in tre mesi, bisogna continuare a lavorare così forte un anno e poi bisogna vedere… La cosa che più mi piace è l’atmosfera di lavoro, finalmente si lavora tutti dalla stessa parte”.