Superbike, Bautista come Kocinski: “Weekend fantastico, grazie Ducati”

Alvaro Bautista Ducati Superbike Australia Gara 2
Alvaro Bautista (©Getty Images)

Superbike 2019, GP Australia: Bautista sbanca Phillip Island ed eguaglia Kocinski.

Alvaro Bautista dopo un solo gran premio è già entrato nella storia del campionato mondiale Superbike. Avendo vinto sia Gara 1 che Gara 2 in Australia, è il primo esordiente dai tempi di John Kocinski a riuscire a fare doppietta da esordiente.

Nel 1996 l’ex pilota americano riuscì ad aggiudicarsi le due manche iniziali di Misano, in sella ad una Ducati proprio come lo spagnolo. Nessuno ci era riuscito prima di lui. E nel 1997 fu anche il primo a vincere un titolo iridato sia con motociclette prototipo, sia con quelle derivate dalla produzione di serie. Infatti conquistò il Mondiale SBK, dopo aver vinto quello 250 nel 1990. In seguito ci è riuscito solamente Max Biaggi, che di mondiali se ha vinti due con Aprilia (2010, 2012) in Superbike e che vinse la prima gara da debuttante su Suzuki. Il Corsaro in precedenza si era assicurato ben quattro titoli 250.

Superbike 2019, GP Australia: Bautista al settimo cielo

Anche Bautista, vincitore in 125 nel 2006, sogna di imitare Kocinski e Biaggi. All’esordio sarebbe da record assoluto. Anche Ben Spies vinse la corona iridata al primo anno di WorldSBK, ma lui proveniva dalla AMA Superbike e non dal Motomondiale. Ad ogni modo, quello in Australia è stato solamente il primo gran premio del 2019 ed è presto per dare per sconfitto un campione come Jonathan Rea.

Ovviamente Bautista e il team Aruba Racing Ducati fanno benissimo ad esultare per il successo di questo weekend. Oltre a Gara 1 e Gara 2, l’ex pilota MotoGP si è preso anche la nuova Superpole Race. Non si poteva sognare un debutto migliore, sia per lo spagnolo che la Panigale V4 R. Adesso sarà importante confermarsi nei prossimi appuntamenti in calendario, a partire dalla Thailandia (16-17 marzo).

Alvaro, a caldo dopo la seconda manche di Phillip Island, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni su questo fine settimana da sogno: «Sicuramente il modo migliore per iniziare in Superbike. Per me è incredibile, non credevo di poter fare questa differenza. Abbiamo lavorato bene, il team ha lavorato molto deludente e in questo weekend eravamo pronti per lottare. Sono riuscito ad avere un buon passo in gara, oggi ho spinto più forte di ieri perché ho capito che avrei potuto farlo. Le gomme non calavano così tanto. Avendo battaglia con Rea nella Superpole Race, pensavo che sarebbe stato forte anche in Gara 2 e dunque ho cercato subito di spingere. Ho preso tanto margine e sono riuscito a vincere di nuovo. Un weekend fantastico, ringrazio Ducati e tutto il team».

Matteo Bellan